informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come capire se giurisprudenza fa per me? Le 5 domande che dovresti porti

Commenti disabilitati su Come capire se giurisprudenza fa per me? Le 5 domande che dovresti porti Studiare a Lecce

Ti tremano le gambe e passi il tempo a chiederti: come capire se giurisprudenza fa per me? In tanti anni di esperienza nel campo della formazione abbiamo visto molti altri studenti in preda agli stessi dubbi. Sicuramente la scelta di studiare giurisprudenza non è una scelta che si può fare a cuor leggero. Diversamente da altri percorsi universitari questo corso di laurea presenta caratteristiche speciali, per durata e intensità. Per capire se fa al caso tuo abbiamo previsto cinque domande alle quali rispondere per orientare la tua decisione.

Perché fare giurisprudenza? Cinque domande da porti

studiare giurisprudenzaCi sono una miriade di ragioni per le quali scegliere di studiare giurisprudenza. Ma è facile dirlo per chi si trova dall’altra parte, per chi questa scelta non deve intraprenderla. Invece, chi come te si trova di fronte a un bivio ha sicuramente la sensazione tipica di spaesamento che le grandi decisioni si portano appresso. Per diramare questo spaesamento abbia individuato una strategia. Fare un bel respiro, prendersi un momento di calma e rispondere a cinque domande che riguardano sia il percorso universitario del corso di laurea in Giurisprudenza a Lecce (ma anche i corsi di tutte le altre città universitarie italiane), sia il percorso professionale post universitario. Rispondendo a questi quesiti avrai le idee più chiare rispetto a quanto ti aspetta nell’arco dei prossimi anni.

Ti piace studiare?

La prima domanda può sembrare generica. Ma non lo è. È la seconda domanda che dovresti farti, dopo la solita, come capire se giurisprudenza fa per me. È la domanda più azzeccata in questo caso perché gli studenti di giurisprudenza devono avere ben chiaro e presente che il loro impegno non si coronerà al termino del terzo anno, come accade per i corsi di laurea di molte altre discipline, ma si protrarrà per cinque anni. Cinque anni in cui gli esami da sostenere saranno tanti, corposi e impegnativi.

Gli iscritti al corso di laurea in Giurisprudenza a ciclo quinquennale devono studiare tanto e correttamente. Di solito le materie d’esame sono trattate in modo rigoroso dai docenti, che si aspettano altrettanto rigore dagli studenti. Lo studio di materie quali diritto pubblico, diritto privato, costituzionale, non possono essere prese sottogamba. Sarai un futuro avvocato, per te la precisione, il rispetto e la serietà saranno sempre un valore aggiunto. Lo sono giù dal primo giorno in cui varcherai la soglia dell’Università. Pertanto se prendi questo impegno dovrai assolverlo dando il massimo. Allora chiediti: ti piace studiare? Sei disposto a passare giorni interi della tua vita chino sui manuali, a rivedere leggi su leggi? Se la risposta è sì, e se ti brillano gli occhi al pensiero della mole di nozioni utili che apprenderai, allora è fatta. Sei già uno studente di diritto perfetto.

Hai una buona capacità di organizzazione e gestione del tempo?

Quanto detto fino ad ora rappresenta una buona introduzione. Quando cerchi risposta alla domanda perché fare giurisprudenza trovi mille idee, hai mille visioni future, ma poi ti chiedi come capire se giurisprudenza fa per me, perché insieme a quelle mille idee hai anche mille perplessità. Una di queste riguarda spesso la capacità organizzativa e il metodo di studio. Ed è giusto che sia così. Per capire se Giurisprudenza è la facoltà giusta per te concentrati anche sulle tue abilità da studente: pianificazione corretta delle sessioni di studio, autodisciplina, metodo di studio, tecniche di lettura veloce e memorizzazione. Se hai almeno una di queste cose sei già un passo avanti a molti altri futuri studenti che non ne possiedono neanche una.

Lo studio del diritto prevede ore interminabili da passare sui libri. Manuali grossi centinaia di pagine, appunti, schemi. Sei il candidato perfetto per la facoltà di Giurisprudenza se hai già un buon avviamento e impostazione per lo studio. In caso contrario non è detto che tu debba rinunciare, ma solo mettere in conto che per te potrebbe volerci un po’ di più a ingranare, a prendere il ritmo.

Sei una persona sicura di sé?

lavori dopo giurisprudenzaNon vogliamo assolutamente dire che Giurisprudenza non sia un corso di laurea per timidi. Però, pensaci un attimo. Non solo dovrai sostenere tantissimi esami orali in cui verrai, più volte e con particolare sollecitudine, messo alla prova, ma anche quando avrai terminato gli studi il confronto con l’esterno giocherà un ruolo fondamentale.
Potresti diventare avvocato, oppure magistrato o notaio, ma anche consulente, in ogni caso avrai a che fare con un “pubblico” e la tua figura sarà considerata un punto di riferimento, possibilmente solido. Non ci si aspettano tentennamenti da un avvocato, non sarebbe professionale vedere in te titubanza. Poi, nella tua vita privata puoi essere chi vuoi, anzi è umano e sano esprimere sé stessi e concedersi anche vulnerabilità. Ma sul lavoro, e anche durante lo studio del diritto in una facoltà come Giurisprudenza non è “ammesso.” Chiediti, dunque, se sei sufficientemente forte, pronto e spontaneamente propenso a metterci la faccia e, senza spavalderia, a sentirti sicuro di sé nell’affrontare tutto ciò che ti aspetta come studente di Giurisprudenza.

Ti piace viaggiare?

Questa sempre più una domanda per rompere il ghiaccio quando si sta conoscendo una persona e si vuole sapere di più sui suoi interessi. E in effetti è un po’ così anche quando stai cercando di capire se giurisprudenza fa per te, è anche una questione di interessi. La laurea in Giurisprudenza, oltre ad essere una di quelle tuttora maggiormente indicate per trovare rapidamente lavoro dopo l’università (ha uno dei migliori indici di occupazione al termine degli studi) è anche uno dei titoli universitari più facilmente “compatibili” all’estero. Trovare lavoro dopo Giurisprudenza in un altro paese straniero risulta molto più facile che per altri corsi di studio.

Quindi chiedersi se ti piace viaggiare significa anche trovare una buona motivazione per diventare studente di diritto, pensando in prospettiva alle belle possibilità che ti aspettano una volta che avrai concluso l’iter universitario. E non è detto che tu debba per forza fare l’avvocato all’estero, gli sbocchi professionali inerenti a questo settore sono molto più numerosi e diversificati che in Italia.

Sei pronto a partecipare i concorsi?

La preparazione dei concorsi è un’esperienza di vita. Perché abbiamo inserito questa domanda in mezzo a quelle su come capire se giurisprudenza fa per me. Perché senza concorsi con una laurea in Giurisprudenza si può accedere alla metà dei percorsi ai quali si può accedere con i concorsi. Può essere una scelta personale quella di non farli. Ma, per esempio, per svolgere tutte le classiche professioni del diritto non hai altra scelta se non quella di fare i concorsi. E anche per questo “scoglio” è necessaria una preparazione adeguata, che merita tempo ed energia.

I concorsi, però, danno anche molta soddisfazione. È un po’ come una seconda laurea, un altro grande festeggiamento per un risultato che può modificare le tue sorti professionali in modo altamente positivo. Se non ti senti pronto a sostenere i concorsi non significa che sia inutile studiare legge, puoi anche farne a meno e svolgere altre professioni, diverse da quelle più istituzionalizzate, che non prevedono questo step. Ma i concorsi restano sicuramente una porta in più.

Questa serie di domande utili a capire perché studiare giurisprudenza fa per te speriamo ti siano state davvero d’aiuto per dipanare i nodi dei dubbi e delle perplessità riguardo a una scelta così rilevante per la tua vita da studente e per la tua futura

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali