informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come diventare addetto stampa: studi e possibilità

Commenti disabilitati su Come diventare addetto stampa: studi e possibilità Studiare a Lecce

Diventare addetto stampa è una bella avventura. Anche se probabilmente qualcuno sta cercando di farti desistere dicendoti che i giornalisti non guadagnano e che nell’era di internet le informazioni circolano liberamente tu non ti curare di loro, ma guarda e passa. Anzi, guarda e scrivi, guarda e scatta e filma. Documenta quello che c’è intorno a te e documentati. Per esempio, leggi questo articolo che ti farà capire che non è mai stato così vicino il momento in cui saresti diventato quello che desideri.

Addetto stampa: cosa fa?

lavorare in un ufficio stampa

Come per tutti i mestieri anche chi lavora come ufficio stampa prima di raggiungere il suo obiettivo deve apprendere qualche segreto professionale, e si dice che nel mondo della stampa ce ne siano diversi, e parecchi. Quello che non è segreto è che la figura dell’addetto stampa lavora all’interno dell’ufficio stampa. È il ponte di comunicazione tra ciò che accade fuori dalla sede e la sede stessa, piccolo tassello del più vasto settore dell’informazione. Ma di cosa si occupa?

L’ufficio stampa, dove prende posizione la figura di cui stiamo parlando, è il nucleo principale della comunicazione in uscita dell’azienda, impresa o giornale, difatti l’addetto stampa parla principalmente con altri suoi colleghi o giornalisti. E si occupa do:

  • Redigere comunicati stampa e documenti che saranno divulgati pubblicamente
  • Assicurarsi che i giornalisti battano la notizia e facciano da cassa di risonanza per ottenere maggiore visibilità
  • Monitorare la rassegna stampa e tenere traccia dell’immagine del cliente
  • Prestare assistenza ai giornalisti per la redazione di articoli che riguardano il suo cliente o azienda

Non sono compiti facili, ma il risultato di equilibri sottilissimi. Ad esempio, quando viene scritto un comunicato stampa l’addetto sa perfettamente che quello che verrà stampato e divulgato rappresenta la voce dell’azienda, non può permettersi di fare errori di alcuna sorta perché il comunicato stampa è il mezzo in assoluto con cui un’azienda comunica all’esterno.

Passerà ore al telefono, assicurandosi che tutti lo abbiano letto e compreso e che abbiano deciso di partecipare all’evento, oppure di ribattere la notizia per darla più larga diffusione.

Allo stesso modo deve verificare l’operato dei giornalisti suoi colleghi, se eventualmente dovessero scrivere qualcosa sul cliente per il quale sta facendo da addetto stampa deve collaborare e gestire in maniera diplomatica, intelligente e strategica incidenti di visibilità o articoli che non diano lustro al cliente.

Non sembra facile, vero? Difatti non lo è. L’addetto stampa passa la maggior parte del tempo al telefono, organizzando incontri ed eventi, oppure a inviare mail in cui diffonde le news più importanti della giornata per chiederne la condivisione e la diffusione al fine di aumentare la visibilità dell’azienda per cui lavora.

Come si lavora da addetto ufficio stampa

Abbiamo visto velocemente i delicati equilibri che caratterizzano la professione dell’ufficio stampa. Adesso possiamo andare ancora di più nello specifico. Ti aspetta molta, moltissima gavetta, ma all’interno di un settore che ti stimola, per cui siamo certi che non ti annoierai affatto.
Per raggiungere gli obiettivi che abbiamo visto prima e svolgere al meglio i passaggi di cui abbiamo parlato bisogna possedere ottimi contatti, e rapporti non solo dignitosi ma proficui con i giornalisti e in generale con il resto della stampa. Per stampa si intendono tutti i mezzi di comunicazione, non solo quelli utilizzati principalmente. Il costante aggiornamento è la regola aurea dell’ufficio stampa.
Tutti i giorni si sveglia e fa in modo di non perdersi niente di ciò che è accaduto, ma soprattutto delle reazioni che ha causato. Telefonate, ore su internet e a sfogliare riviste, e ovviamente la presenza negli eventi imperdibili del settore in cui opera, non può esimersi da tutto questo. E soprattutto deve farlo nei tempi stabiliti. Il lavoro dell’ufficio stampa è fatto di scadenze strettissime. Pensa che un comunicato stampa deve essere consegnato entro le 13 alle agenzie, entro le 18 ai quotidiani e una settimana prima per la pubblicazione sui settimanali.

A furia di stare sempre così sul pezzo l’addetto stampa conosce tutti e tutte, ha una mailing list che è il suo vero e unico tesoro e uno dei suoi più efficaci strumenti di lavoro, fondamentale per chi sta sul campo. Non si realizza dall’oggi al domani, ma è il frutto di una lunga avventura. Dentro si trovano gli indirizzi, le mail e i numeri di telefono dei giornalisti a cui inviare il materiale e i documenti. Un buon addetto stampa ne possiede una che aggiorna con frequenza e che tiene sempre attiva e in ordine, così diventa un valido collaboratore anche per i colleghi, un professionista che offre un servizio rigoroso e una fonte autorevole di informazione.

Come si diventa addetto stampa

lavorare come addetto stampa

Sappiamo che ti tremano le gambe all’idea. Sembra davvero impegnativo, ma ti sveliamo un segreto: anche l’addetto stampa si impara facendolo. Ci sono sicuramente dei passaggi formativi che è meglio che tu compia, ma sappi che la differenza la fa il tuo approccio e la tua costante e umile voglia di imparare.

Il titolo di studio più specifico per lavorare in un ufficio stampa è la laurea in materia umanistiche unita all’iscrizione all’Albo dei Giornalisti, ma quest’ultimo solo se ambisci a entrare in questo settore all’interno della pubblica amministrazione, altrimenti non è del tutto necessario.

La preparazione e lo studio sono le fasi preliminari, alle quali va affiancato l’allenamento verso un’abilità che difficilmente si impara sui libri o dietro i banchi: la capacità relazionale. Devi essere una persona aperta, curiosa, comunicativa per reggere un tale flusso di contatti e scambio di informazioni, per curare le numerose conoscenze.

Se non hai esperienze pregresse e hai già terminato gli studi universitari ti sconsigliamo di lanciarti come se fosse una passeggiata in questo lavoro, rischi una terribile figuraccia. Per quanto sia entusiasmante è difficile comprendere quanto sia pieno, impegnativo e a tratti anche stressante questo mestiere. Dunque ti suggeriamo di iniziare con un validissimo e stimolante tirocinio.

Anche se non è prevista retribuzione. Duole ammetterlo, ma in questo campo c’è molta competitività e a volte è richiesta anche una dose di sacrificio in più. Se vuoi diventare addetto stampa devi essere pronto a compiere delle rinunce, a fare anche delle scelte controtendenza.

Una soluzione perfetta per evitare inutili percorsi che non portano a niente di buono è la partecipazione al Master di I livello in Professione reporter, a scuola di giornalismo, facente capo la facoltà di Scienze Politiche e Scienze della Formazione.

L’obiettivo è quello di fornire conoscenze di tipo teorico e pratico a laureati in materie umanistiche (ma non è un requisito imprescindibile) desiderosi di intraprendere la professione di giornalista o ufficio stampa.

In questo caso specifico il master intende inquadrare una figura specifica, quella del reporter, che non è esattamente coincidente con quella dell’addetto stampa, ma può esserlo in quei casi in cui gli venga richiesto non solo un compito di gestione del flusso delle informazioni, ma anche di creazione di contenuti di valore relativi a delle notizie o a degli avvenimenti, che egli stesso deve saper registrare, e con quali modalità, per poi diffonderle rispettando un’etica del lavoro e una professionalità che contraddistingue solo i migliori uffici stampa.

L’Università Niccolò Cusano ha scelto per questo master di collaborare con l’Agenzia Dire, in partnership, offrendo un master di 1500 ore complessive, che consiste in 60 CFU, un’opportunità di crescita assicurata, anche grazie alla possibilità di esercitazioni (facoltative) che ti metteranno da subito nelle condizioni di sperimentare sulla tua pelle che effetto fa diventare addetto stampa.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali