informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Filosofi moderni: 5 nomi da conoscere

Commenti disabilitati su Filosofi moderni: 5 nomi da conoscere Studiare a Lecce

Non serve essere studenti di filosofia per approcciarsi alla materia. Sono molti i pensatori del nostro secolo (alcuni dei quali ancora in vita) che influiscono  anche altre discipline universitarie come la psicologia, la didattica, la pedagogia, la grammatica, la letteratura e la scienza.
nomi di filosofi famosi
Ecco perché lo staff dell’Università online Niccolò Cusano di Lecce ha deciso do fornire una panoramica sui cinque filosofi moderni che bisogna conoscere.

L’apporto della  filosofia moderna alle discipline – come accennato – è fondamentale sia se si stia conseguendo una laurea in giurisprudenza sia una in psicologia: sono molte le contaminazioni che plasmano la nostra epoca e i pensatori attuali ne fanno parte. E per questo vanno conosciuti.

In questo articolo ci occuperemo di dare una scorsa veloce al pensiero di cinque filosofi contemporanei

Filosofia moderna: ecco i principali esponenti

Volete sapere in quali discipline ritroverete questi nomi di filosofi famosi? Continuate a leggere e lo scoprirete…

Noam Chomsky

Nato nel 1928 a Philadelphia è un linguista, filosofo, storico, teorico della comunicazione. Nelle sue opere e nelle dispute accademiche, Chomsky è sempre apparso come una voce fuori dal coro.

Il suo è un pensiero complesso, che ha arricchito in modo indicibile il campo della linguistica teorica. Teorico della “grammatica generativa”, ha definito l’informazione come una “fabbrica del consenso”: un sistema di vera e propria propaganda, estremamente efficace per il controllo e la manipolazione dell’opinione pubblica.

Umberto Eco

Venuto a mancare nel 2016, Eco è una delle personalità italiane più famose della contemporaneità e non solo per l’apporto al mondo della filosofia ma anche per i sui romanzi come Il nome della rosa” (tradotto in 47 lingue e venduto in trenta milioni di copie).

È a grandi linee un filosofo che può essere considerato come un “amante del sapere” in ogni sua forma.

Jürgen Habermas

Con i suoi ottantotto anni, Habermas è un filosofo, storico e sociologo fondamentale per la nostra epoca.

Ha fondato una teoria che è anche pratica, studiando per molto tempo la forma di sapere più concreta che c’è, il linguaggio, cercando di individuarne le regole e valutarne l’importanza a livello sociale. L’etica della comunicazione da lui sostenuta non è soltanto l’insieme delle norme particolari che devono regolare l’agire comunicativo, ma anche – e soprattutto – l’utilizzazione di queste stesse norme come criterio di validità per tutto il pensiero morale.

Umberto Galimberti

Il settantacinquenne Umberto Galimberti – filosofo e psicologo italiano – da sempre si espone in riferimento alla necessaria compenetrazione di queste due materie.

Si tratta di un ritorno alla vera filosofia della vita, che non deve mai essere disgiunta dalla realtà dell’uomo. Tra le opere principali ricordiamo Il segreto della domanda. Intorno alle cose umane e divine, (2008), La morte dell’agire e il primato del fare nell’età della tecnica, sempre del 2008, I miti del nostro tempo (2009), Cristianesimo. La religione dal cielo vuoto del 2012.

Dal 1995 conduce una rubrica seguitissima sul quotidiano “La Repubblica”.

Per completare il pensiero utilizziamo questa citazione: La filosofia svolge un ruolo decisamente importante, non perché sia competente di qualcosa, ma semplicemente perché non accetta qualcosa. E questa non accettazione di ciò […]  l’esprime attraverso un tentativo di trovare le contraddizioni del presente e dell’esistente, e argomentare possibilità di soluzioni: in pratica, pensare. E il giorno in cui noi abdichiamo al pensiero abbiamo abdicato a tutto.

Paul Feyerabend

Morto nel 1994, è il filosofo specchio della scienza anarchica. Tra le sue opere principali ci sono Contro il metodo del 1975, La scienza in una società libera (del 1978), Addio alla ragione del 1987 e, pubblicato postumo nel 2002, Conquista dell’abbondanza.

Nei suoi libri Feyerabend ha sempre difeso l’idea che non ci siano delle regole ferree da applicare nella scienza. Ad esempio,  il filosofo ha sempre contestato la presenza di un metodo scientifico prescrittivo a favore di una tendenza all’anarchismo epistemologico.

Senza regole rigide per gli scienziati, la posizione di Feyerabend è sempre stata considerata estrema, quasi che si volesse paragonare la scienza al mito e all’esoterico. D’altra parte a sostegno delle posizioni del filosofo ci sono stati alcuni avvenimenti antichi: l’esempio è quello di casi indiscutibili di progresso (come ad esempio la rivoluzione copernicana) nei quali – come dimostra il filosofo – tutte le regole prescrittive della scienza valide fino a quel momento fossero state violate. Se Copernico avesse seguito le regole scientifiche e il metodo prescrittivo dell’epoca, non ci sarebbe stato alcun progresso.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali