informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Giurisprudenza è una buona scelta? Ecco 7 fattori da considerare

Commenti disabilitati su Giurisprudenza è una buona scelta? Ecco 7 fattori da considerare Studiare a Lecce

Prima di scegliere a quale facoltà iscriverti ti stai facendo un mucchio di domande. È giusto, sarebbe strano il contrario. Tra le varie opzioni ti stuzzica anche l’idea di iscriverti in Giurisprudenza, ma sei pieno di dubbi a riguardo. Ok, è arrivato il momento di chiarirti le idee, ci sono moltissimi vantaggi nel conseguire una laurea in diritto, ma c’è anche qualche svantaggio? Ovvio, l’iscrizione a un corso di laurea e la scelta di un percorso universitario può avere sempre i suoi pro e i suoi contro. Ma cerchiamo di focalizzarsi su quali sono i fattori da considerare prima di scegliere giurisprudenza una volta per tutte.

Laurea in giurisprudenza: una buona idea?

studiare giurisprudenzaScegliere la facoltà di Giurisprudenza non è facile. Pianificare cinque lunghi anni di studio, non è esattamente per tutti. Eppure l’idea non ti dispiace del tutto. Hai la motivazione, ti piacerebbe lavorare nel campo del diritto, avere conoscenze che ti permettano di comprendere aspetti molto interessanti della nostra società. Se c’è ancora qualcosa che ti frena è perché non hai le idee ben chiare. Per sanare i tuoi dubbi sul da farsi abbiamo scelto di scrivere questo articolo e di raccontarti perché, secondo noi, ci sono sette buoni motivi per iscriversi a Giurisprudenza: è una buona scelta.

1. Laurea in Giurisprudenza: classico intramontabile

Una laurea “tradizionale”, un corso di studi universitari che esiste praticamente da secoli (con moltissime variazioni, certo), che suscita sempre molta reverenza. “In cosa è laureato?” “In Giurisprudenza”, quando una conversazione si apre così, dalla parte di chi riceve la risposta c’è sempre un’aurea di grandissimo rispetto dinanzi alla persona che ha scelto di conseguire una laurea in diritto, materia complessa, difficile da studiare e interpretare, e soprattutto, che implica sforzi lunghi e costanti.

2. Diritto e burocrazia

Se hai deciso di studiare diritto sappi che avrai una marcia in più: per te il mondo della burocrazia non sarà una giungla incomprensibile e intricata. Quando ascolterai un telegiornale o leggerai un quotidiano avrai sempre nozioni in più con cui elaborare le informazioni, saprai di cosa si sta parlando. In breve, avrai maturato una visione delle cose più ampie e comprensiva. Unica pecca, spesso ti troverai subissato di persone che al posto di scegliere di studiare giurisprudenza hanno preferito continuare a fare domande agli amici che, invece, lo hanno scelto. Quando qualcuno non saprà interpretare un decreto, o qualsiasi altra cosa riguardante diritto e legge, verrà da te convinto che tu sappia tutto, praticamente tutto.

3. Studiare Giurisprudenza: studiare davvero

Sembra uno slogan anni Novanta, ma è la verità. Lo studio del diritto e della giurisprudenza è rigoroso, non risparmia nessuno. Se da qualche parte nel mondo esistono università e facoltà in cui ci sono studenti che possono permettersi di presentarsi all’esame quasi senza aver studiato… be’, questo in un corso di laurea in Giurisprudenza è praticamente impossibile. Se non hai una buona preparazione, per non dire ottima, il rischio che di beccarsi la bocciatura o un pessimo voto è altissimo. Per questo studiare e conseguire una laurea in giurisprudenza significa imparare a studiare, davvero, anche qualsiasi altra materia e argomento.

4. Trovare lavoro con la laurea in Giurisprudenza

scegliere di studiare giurisprudenzaCi dispiace, ma è così. I laureati in Giurisprudenza ottengono un lavoro in molto meno tempo rispetto ad altri laureati. Per loro non si aprono solo le porte dell’avvocatura, che rappresenta soltanto uno dei canali professionali. Ci sono moltissimi concorsi pubblici che richiedono esplicitamente laureati in quel settore. Oppure, sempre di più nell’arco degli ultimi anni, ci sono impieghi di nuova generazione, perfetti per coloro che non temono la libera professione e per i quali c’è molto spazio nel mondo del lavoro nell’ambito della giurisprudenza, soprattutto di questi tempi: consulenti, formatori, e molto altro.

5. Le infinite branche del diritto

Qualcuno sostiene, senza imbarazzo, che i corsi di laurea in Giurisprudenza siano terribilmente noiosi. Smentiamo una volta per tutte questa insinuazione. Anche se il diritto sembra, a primo avviso, una disciplina mnemonica, non lo è affatto. Solo la piena comprensione dei concetti porta alla conoscenza, e di conseguenza all’applicabilità della materia. Una volta che ti saranno chiari i meccanismi diventerà quasi come un gioco e apprenderai leggi e concetti in men che non si dica. Non ti annoierai mai. Inoltre studiare diritto consente di muoversi tra molti diversi argomenti, una varietà quasi spiazzante, dal diritto romano a quello privato, dal tributario all’internazionale. Quante branche del diritto esistono? Non lo sai? Tante, tante quante sono le occasioni per imparare qualcosa di nuovo e stimolante.

6. Gli studenti di Giurisprudenza: una comunità

Studiare all’università è sempre un’esperienza trasformativa, ma per alcuni segna una vera e propria epoca. Si dice che ci sia molta competizione all’interno. Ed è un’altra cosa che vogliamo assolutamente smentire. Lo vediamo tutti i giorni, dai nostri studenti di Giurisprudenza a Lecce, che ci dimostrano come lo studio possa avvicinare, unire, creare rapporti di amicizia e solidarietà. Chi ha studiato legge sa cosa significa e condivide con i “colleghi” sparsi ovunque un’esperienza impegnativa e soddisfacente. Nei tuoi colleghi di corso troverai sempre una spalla, qualcuno che avrà piacere a organizzare lunghe sessioni di studio con te, o anche, semplicemente, una gita fuori porta per rinfrescare il cervello.

7. Gli sforzi vengono ripagati

Sì, è lunga la strada. Cinque anni sono tanti. Eppure, anche se la frase suona banale, passano in fretta. E soprattutto, una volta che passano lasciano una scia di soddisfazione. Quell’entusiasmo che porta moltissimi a fare immediatamente l’esame per entrare nel campo dell’avvocatura, dopo un tirocinio che mette alla prova e regala occasioni straordinarie di apprendimento. Vogliamo dirlo anche se non pensiamo assolutamente che debba essere la ragione numero uno per cui scegliere questo corso di laurea, ma è la verità. Le professioni di chi ha studiato Giurisprudenza sono molto ben pagate!

I corsi di laurea in Giurisprudenza

Cosa ti aspetta se scegli di studiare presso la facoltà di Giurisprudenza. Un corso di laurea della durata di cinque anni, come previsto dalla legge italiana, che stabilisce che la laurea in Giurisprudenza sia a ciclo unico e non come le altre divise in corso di laurea triennale e corso di laurea specialistica. Alcuni corsi erogano anche dei corsi di laurea triennale, ma ovviamente non consentono di avviarsi alla professione.

I piani di studio, invece, vengono scelti dalle singole facoltà e pianificate secondo ordinamenti differenti. La facoltà presso l’Università Niccolò Cusano a Lecce rispetta gli standard della formazione universitaria in diritto a livello nazionale e internazionale, con il vantaggio di una proposta di apprendimento a distanza.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali