informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Libri sulla mediazione familiare: i 10 da leggere

Commenti disabilitati su Libri sulla mediazione familiare: i 10 da leggere Studiare a Lecce

Da quando è nato questo tipo di servizio i libri di mediazione famigliare si sono moltiplicate. Esistono manuali per i professionisti, libri di divulgazione per chi si vuole avvicinare ad una tematica delicata e necessaria, testi che contribuiscono a fornire un’idea più strutturata dell’intrico di dinamiche che si nascondono dietro le famiglie e le loro problematiche.

Perché leggere un libro di mediazione familiare?

tecniche di mediazioneNon è un dovere e può capitare che non sia neanche un piacere. La mediazione famigliare è un intervento condotto da professionisti e viene richiesto dalle coppie in crisi, spesso in un momento di rottura. Può servire a stabilire nuove coordinate di genitorialità, soprattutto se ci sono minori coinvolti.

L’approccio è sia psicologico che giuridico, ma rientrano nell’intervento anche specifiche tecniche di mediazione e di risoluzione del conflitto. Quando si ricorre alla mediazione famigliare non dev’esserci un conflitto giudiziale in corso, il fine è proprio quello di riuscire a dirimere una diatriba senza ricorrere ad un tribunale, ma gli accordi presi in sede di mediazione possono essere omologati anche a livello di Legge.

In questo articolo vogliamo fornirti dei titoli di libri sulla mediazione famigliare che possono aiutarti a capire meglio di che cosa si tratta.

Libri sulla mediazione familiare

Abbiamo scelto dieci titoli attingendo dalla migliore bibliografia in merito alla mediazione famigliare. Siamo consapevoli che sono solo una minima parte del corpus di manuali e pubblicazioni a riguardo, ma intanto possono fornire una panoramica esaustiva.

1. La mediazione familiare. Modelli e strategie operative di Lisa Parkinson

Si tratta di un manuale scritto da una delle voci più autorevoli nel campo della mediazione familiare. Il testo è indubbiamente la migliore introduzione all’argomento. Vengono approfonditi tutti i concetti base della mediazione e viene sottolineata l’importanza di tre aspetti all’interno del percorso:

  • Dimensione relazionale
  • Dimensione economica
  • Conflitto familiare

L’autrice fa emergere la necessità di un approccio interdisciplinare, l’unico capace di incidere positivamente nelle questioni familiari. In queste pagine si trova tutto quelle che serve per capire quanta delicatezza e preparazione c’è dietro ogni incontro di mediazione. Un testo di studio per tutti coloro che vogliono avvicinarsi alla professione e cercano non solo nozioni ma punti di vista solidi e incisivi.

2. La mediazione familiare. Il modello simbolico trigenerazionale di Dino Mazzei

In questa pubblicazione si riflette profondamente sulla complessità del ruolo del mediatore famigliare e della sfida che deve affrontare. Da spesso si trova ad accompagnare le coppie verso la fine di una relazione e un’eventuale divorzio, dall’altra vuole fargli scoprire la possibilità di camminare insieme nella crescita dei figli e nella condivisione di responsabilità che gli spetta. Ma soprattutto in questo testo viene presentato l’approccio del modello simbolico trigenerazionale, una proposta di metodo per chi lavora a casi complessi ad alto livello di conflittualità. Anche il concetto di funzione genitoriale viene ampiamente discusso nella seconda parte, dove si trovano anche validi contributi per ciò che riguarda le tecniche di incontro con i figli.

3. Manuale di mediazione familiare. Proteggere i figli nella separazione di Corrado Bogliolo e Anna Maria Bacherini

Questo libro indaga il modo in cui si forma e si disgrega una coppia, cercando di capire quali sono le conseguenze di una separazione. È un vero e proprio manuale e si rivolge allo studente, a colui che ha iniziato a studiare mediazione famigliare o che già svolge alla professione e vuole aggiornarsi ulteriormente. Valido anche per tutti coloro che hanno a che fare con il tema: educatori, psicologi o assistenti sociali.

4. La mediazione familiare. Dalla rottura del legame al riconoscimento dell’altro di Francesco Canevelli,Marina Lucardi

Un altro libro dedicato a chi vuole formarsi in questo ambito. Viene analizzato nel minimo dettaglio la separazione e i suoi effetti sui figli. Allo stesso tempo ribadisce i principi fondamentali dell’intervento e offre una panoramica molto attenta sulla realtà italiana, fornendo un modello valido per chi lavora a fa mediazione nel nostro paese. Grazie anche ai numerosi casi studio esposti è possibile comprendere pienamente il valore dell’esperienza di mediazione.

5. Figli condivisi. La psicologia dello sviluppo nella mediazione familiare di Emilia Barone

I figli spesso si trovano al centro di un grande tornado. Gli eventi e le emozioni che scaturiscono da una separazione possono essere difficili da gestire. La psicologia dello sviluppo fornisce una lente attraverso la quale rispondere ad eventuali problemi, risolvibili tramite nuovi modelli di comunicazione e di gestione delle emozioni. Questo libro è molto utile per farsi delle domande e darsi delle risposte rispetto ai bisogni dei ragazzi e alle responsabilità dei genitori in un momento difficile della vita come la separazione di una famiglia.

6. Mediare conflitti, ricostruire relazioni di Isabella Quadrelli

Dati alla mano questo libro analizza le pratiche utilizzate dai mediatori famigliari per capire meglio da quali punti di vista e con quali strumenti essi operano. L’aumento del servizio ha coinciso con un aumento della percentuale di professionisti abilitati, ma molte domande e difficoltà su quale sia il modo migliore di agire restano tuttora in piedi. Leggere questo libro ci aiuta a capire come si può agire nel rispetto della tutela di tutti gli attori coinvolti, figli e genitori in primis, ma anche mediatori.

7. Scene da una separazione. La mediazione familiare e la regolazione del conflitto di coppia

Libro scritto a più mani, da Guido Maggioni , Benedetta Polini , Isabella Quadrelli , Alessandra Vincenti, necessario per illustrare i risultati di una ricerca sul campo (nella Marche, per la precisione) volto a comprendere come viene integrato un servizio di mediazione all’interno del sistema dei servizi locali e come questo contributo è in grado di dare nuovi punti di vista a tutti gli operatori che lavorano in contesti affini, come operatori sociale e giuridici.

8. La bacchetta magica. Cento storie di mediazione familiare di Rosangela Carù

incontro di mediazione familiareLa “bacchetta magica” è uno strumento metaforico che si trova dentro le stanze di mediazione famigliare e anche altrove, se i genitori scelgono di farne uso. L’autrice del libro è una mediatrice familiare di lungo corso e il suo contributo differisce in parte dagli altri titoli per la volontà maggiormente divulgativa, grazie al quale il lettore può entrare maggiormente in empatia con i contesti di cui legge. La trasformazione di un patto coniugale grazie alla bacchetta magica diventa un grande percorso di rinascita.

9. La mediazione dialogica(R). Fondazione scientifica, metodo e prassi in ambito penale, civile e commerciale, familiare e di comunità di Gian Piero Turchi , Valeria Gherardini

La mediazione dialogica è un marchio registrato, in questo manuale viene proposta un percorso argomentativo e un metodo di applicazione differente da quello di altre discipline. Non si parla di mediazione solo in ambito famigliare ma in tantissimi altri ambiti, da quello penale a quello di comunità, da quello commerciale a quello civile. Perfetto per chi si vuole avvicinare ad un tema ampio e capace di lasciare il segno in molte direzioni.

10. La mediazione educativa familiare. Una risorsa formativa per le famiglie separate, divorziate e ricostruite di Chiara Sirignano

Una riflessione su com’è cambiata la famiglia negli ultimi trent’anni e su come –di conseguenza–deve cambiare anche la mediazione, avvicinandosi a ruoli genitoriali sempre più in mutamento. Le scienze dell’educazione sono materie che contribuiscono ad arricchire il bagaglio formativo degli operatori e non possono restare fuori. Un ruolo fondamentale è ricoperto dalle strutture di orientamento, non solo verso i genitori, ma verso tutti coloro che sono parte della famiglia. Il testo tocca questi temi e molti altri, ed è molto utile per avere ancora più consapevolezza del quadro in cui opera un professionista della mediazione.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali