informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Lunghezza tesi triennale: ecco i parametri da conoscere

Commenti disabilitati su Lunghezza tesi triennale: ecco i parametri da conoscere Studiare a Lecce

Volete sapere qual è la giusta lunghezza della tesi triennale? Siete ossessionati dal numero di pagine e questo vi impedisce di concentrarvi abbastanza sul vostro lavoro?
introduzione tesi
In questo articolo lo staff della Università online Niccolò Cusano di Lecce ha intenzione di fornire dei consigli spassionati su come scrivere la tesi, quali sezioni inserire e – ovviamente –  quante pagine farla lunga.

Iniziamo dal principio (nonché dalla cosa più importante): non c’è una regola precisa che definisce il numero di pagine della tesi!

Non per questo, comunque, si deve tralasciare di avere alcune accortezze. Generalmente, le linee guida universitarie dicono questo:

  • Tesi di laurea di primo livello (Triennale): lunghezza dalle 40 alle 80 pagine durante le quali è fondamentale dimostrare di possedere le competenze di base del corso di studi utilizzando strumenti teorici, metodologici e comunicativi.
  • Tesi di laurea specialistica (Magistrale): lunghezza dalle 80 alle 150 pagine. In questa tesi è importante specificare le proprie conoscenze in maniera approfondita ed analitica, presentando i dati in possesso ed interpretandoli.
  • Tesi di master: lunghezza media di 70 pagine. Si tratta di una tesi redatta spesso in seguito ad uno stage o ad un tirocinio formativo, dunque andranno spiegate le proprie competenze professionalizzanti, spiegando quelle che sono state le pratiche messe in atto nel corso dell’esperienza lavorativa.
  • Tesi di dottorato di ricerca: lunghezza media di 190 pagine. Si tratta di un lavoro protrattosi per lungo tempo e deve essere dotato di originalità scientifica.

Tesi di laurea triennale: Melius abundare sive deficere?

Prendiamo in prestito questa famosa formula latina e riadattiamola alle nostre esigenze: nel redigere la tesi di laurea del triennio formativo universitario, non sempre è bene “abbondare” bensì alcune volte è meglio “scarseggiare”.

Questo non vuol dire che una tesi di laurea corta sia un lavoro sciatto, anzi! Molto spesso è il contrario: tesi eccessivamente lunghe finiscono per essere poco interessanti, ridondanti e contraddittorie.

La tesi triennale, infatti, serve anche per prendere confidenza con il metodo di scrittura e di analisi dei documenti in vista della redazione della tesi di laurea magistrale. Per questo non serve scrivere 200 pagine inutili ma è meglio concentrarsi sul focus della tesi e arrivare alla redazione di una settantina di pagine che siano davvero perfette.

Padroneggiando l’argomento scelto con il relatore sarà facile eseguire un lavoro di sintesi e di limatura delle parti superflue, tuffandosi senza paura nell’argomento con la consapevolezza di doverne acciuffare il vero significato, scartando l’inutile.

Questo è da fare non solo al momento della scrittura, ma anche in una fase preliminare di scelta della tematica: è impensabile – ad esempio – di fare una tesi di laurea su Pierpaolo Pasolini in maniera generica prendendo come testi-chiave tutti quelli scritti su di lui (o da lui).

Molto meglio è concentrarsi su un determinato aspetto delle sue opere o su una particolarità stilistica. Andare a colpire “la nicchia” significa anche presentarsi davanti alla commissione di laurea consci del fatto che l’analisi e il lavoro di indagine sarà molto più apprezzato.

Sul piano stilistico, la tesi deve essere scritta in modo chiaro e preciso, utilizzando frasi brevi e spezzando i paragrafi troppo lunghi,  evitando ripetizioni e espressioni ridondanti ed eliminando le digressioni.

Parti della tesi: ecco quelle da non dimenticare

Anche se si decide di rispettare la regola di non scrivere una tesi di laurea troppo lunga, ci sono delle parti del lavoro che devono necessariamente essere presenti. Vediamole insieme…

Indice della tesi

L’Indice della tesi riporta l’intera struttura della tesi di laurea, ne elenca quindi le parti principali (Introduzione, Capitolo 1, Paragrafo 1…) come i titoli. Di ogni parte viene indicato anche il numero di pagina.

È la prima parte che deve essere scritta della tesi di laurea  – prendendo spunto dalla scaletta  – e andrà sempre concordata e validata dal docente relatore, anche in caso di cambiamenti in corso d’opera.

Introduzione, corpo del testo e conclusione

Nell’introduzione tesi deve essere riportato il focus del lavoro, riportandone brevemente l’argomento, le caratteristiche e la metodologia utilizzata. Inoltre va indicata anche la struttura interna della tesi, spiegando cosa si leggerà in ciascun capitolo.

L’introduzione deve avere una lunghezza di una decina di pagine al massimo e il testo deve essere diviso in paragrafi.

Il corpo della tesi è la struttura portante, quella dove si analizza il lavoro svolto. Si articola in più capitoli dove sono riportati analiticamente i temi annunciati nell’introduzione.

Infine, la conclusione della tesi di laurea deve esporre in maniera sintetica e sistematica i punti principali della tesi, spiegando i risultati ottenuti.

Bibliografia tesi

Al termine del lavoro, va inserita la bibliografia: qui devono essere riportati tutti i testi utilizzati per avvicinarsi all’argomento trattato, gli articoli di giornali e anche la sitografia. La lunghezza varia dalle due alle tre pagine, a seconda di come viene organizzato l’elenco puntato.

Avete trovato utili i consigli dello staff della Unicusano di Lecce? Non ci resta che augurarvi buon lavoro.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali