informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Le 5 donne psicologhe più famose della storia

Commenti disabilitati su Le 5 donne psicologhe più famose della storia Studiare a Lecce

Ci sono state numerose psicologhe donne nella storia, anche se non se ne parla. La recente ondata di interesse per il femminismo e le questioni di genere sta facendo in modo che finalmente il mondo si renda conto che siamo permeati e immersi in una cultura sostanzialmente prodotta dal genere maschile. Arte, scienza, politica e anche psicologia, i nomi illustri sono sempre nomi di uomini, giunti al loro apice di carriera studiando su libri scritti da uomini, valutati da uomini e via discorrendo. Cosa vuol dire questo? Che gli uomini sono un problema? Assolutamente no, ma fingere che questo non abbia cambiato le sorti e la percezione della cultura non è intelligente. Quantomeno poniamoci delle domande. Perché le donne in psicologia sono così brillanti, innovative, preparate, ma non riescono a emergere? Perché nonostante il contributo di tantissime donne psicologhe il loro nome non è conosciuto ai più? La risposta è articolata e dovrebbe includere diversi livelli del discorso: sociale, economico, storico. Per rendere giustizia all’impegno e a quanto è stato offerto alla scienza psicologica dalle donne laureate in psicologia nel corso della storia abbiamo scelto di scrivere questo articolo e di parlare di cinque di loro.

Psicologiche donne nella storia: 5 nomi illustri

donne psicologhe famoseTutti noi quando pensiamo alla disciplina della psicologia colleghiamo mentalmente i nomi di Sigmund Freud, Carl Gustav Jung, Carl Rogers alla scienza della mente. È normale, è quello che siamo abituati a conoscere e studiare, ci è famigliare. Questo piccolo dettaglio può indurci a pensare che le donne in psicologia non siano mai state attive e partecipi, che si siano tenute distanti per chissà quali ragioni. Ma non è così. Semplicemente le donne hanno dovuto subire moltissime discriminazioni, come è avvenuto per tantissimi altri campi, dallo sport alla medicina. Ma nonostante queste barriere e limitazioni ci sono state donne nella storia della psicologia che sono riuscite a travalicare l’imposizione a non rivendicare il proprio ruolo e hanno fatto sentire la propria voce apportando alla materia nuova linfa e nuovi studi. Vediamo chi sono e cosa hanno lasciato in eredità agli studi psicologici.

Margaret Floy Washburn

Margaret Floy Washburn è stata la prima donna laureata in psicologia, o più precisamente a ricevere un dottorato. Svolse i suoi studi universitari con molta dedizione e caparbietà, in un momento in cui alle donne non era permesso più di tanto fare carriera universitaria e ricoprire posizioni accademiche. Margaret, tra le prime donne della psicologia svolse studi sulla cognizione animale e sui processi fisiologici di base che furono centrali per lo sviluppo della psicologia comparata. Anche grazie al suo lavoro alla Columbia University di New York la psicologia divenne agli occhi della comunità culturale una disciplina affidabile, contrariamente a quanto si riteneva. Se adesso, tu, giovane studentessa, puoi studiare con passione presso la facoltà di Psicologia a Lecce è anche grazie a lei.

Mary Whiton Calkins

Oltre a una vita da studiosa avvincente e valorosa sotto moltissimi punti di vita Mary Whiton Calkins è tra le donne psicologhe dei primi del Novecento quella che è riuscita ad ottenere un riconoscimento molto ambito e fino ad allora riservato quasi esclusivamente agli uomini. Nel 1905 infatti divenne la prima donna presidentessa dell’American Psychological Association. E non solo, sul finire del 1918 fu anche presidentessa dell’American Philosophy Association. I suoi primi contributi disciplinari riguardavano lo studio della memoria e alcuni suoi lavori hanno aiutato la realizzazione e l’accuratezza dei test di valutazione cognitiva.

Anna Freud

Come sostiene quel detto (assolutamente terribile): dietro un grande uomo c’è sempre una grande donna. Il cognome di Anna Freud parla chiaro ed è legato indissolubilmente a quello di suo padre. Anna seguì le impronte del genitore e continuò a sviluppare le intuizioni di Freud, soprattutto in campo infantile. I suoi studi, che furono geniali e particolarmente intuitivi, furono d’ispirazione per altri futuri approfondimenti della materia ad opera di colleghi uomini, come Erik Erikson. La sua attenzione era rivolta in modo particolare ai meccanismi di difesa, concetto che contribuì a far entrare nei trattati. La psicologia infantile deve tuttora molto a questa grande psicologa donna della storia della psicologia.

Melanie Klein

Restiamo nel campo della psicologia infantile. Il nome Melanie Klein è particolarmente famoso e citato quando si parla di donne psicologhe famose perché ebbe un ruolo cruciale nella creazione e sperimentazione della Play Therapy, una tecnica molto utilizzata per permettere ai bambini di esprimere facilmente i propri sentimenti ed emozioni. Il gioco diventa mezzo di comunicazione. Un’intuizione che mostra la straordinaria sensibilità delle Klein, che si interrogava su quale strada percorrere con i bambini con cui non era possibile sperimentare le tecniche freudiane di psicoanalisi. Le sue idee furono così efficace di costituire una vera e propria scuola di pensiero, quella della psicoanalisi kleiniana tra le più affermante della storia della psicoanalisi.

Karen Horney

Infine, chiudiamo questa carrellata di donne psicologhe con il nome di Karen Horney. La studiosa contrappose alla teoria di Sigmund Freud sull’”invidia del pene” quella dell’”invidia del ventre”, ovvero quello azioni compensatorie che gli uomini metterebbero in campo e sperimenterebbero per compensare il fatto di non poter avere figli. La sua spinta contribuì ad ampliare il dibattito sulla psicologia femminile. L’altra conquista importante che dobbiamo riconoscere alla Horney è la teoria che riconosce la capacità delle persone di assumere la responsabilità personale della propria salute mentale.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali