informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Le 5 ricette tradizionali leccesi da provare durante le feste

Commenti disabilitati su Le 5 ricette tradizionali leccesi da provare durante le feste Studiare a Lecce

Le feste di Natale sono il periodo perfetto per provare le ricette tradizionali leccesi. La Puglia da sempre si distingue per essere una delle migliori realtà all’interno del panorama gastronomico italiano. La cucina di tutta la regione vanta una tradizione e una storia molto antica, ogni ingrediente parla della terra, della forza delle radici, dei sapori autentici dei prodotti della natura. E soprattutto la cucina leccese è capace di stupirci. Anche se le nuove generazioni non hanno raccolto a piene mani la tradizione culinaria pugliese, fortunatamente un rinnovato interesse per il settore alimentare ha coinciso con un massiccio recupero delle ricette leccesi e pugliesi da parte di pasticceri e cuochi locali e non.

Ricette leccesi: quali mangiare a Natale

ricette pugliesiLa cucina tipica di Lecce rientra nella cucina salentina. Questo scrigno ideale di prelibatezze è in grado di allietare le giornate di festa, di rallegrare le serate natalizie. Soprattutto dolci, ma non solo, anche le calde e buonissime pittule non possono mai mancare sul tavolo delle feste.

Probabilmente quest’anno non staremo vicino ai nostri parenti, o almeno non a tutti, ma non dobbiamo perdere la gioia di godere di questi dolci momenti. Se nonna quest’anno non potrà prepararci qualche dolce allora qualcosa possiamo anche prepararlo noi, che ne dici? Dopo averti raccontato qualcosa di più sulle ricette leccesi per Natale ti regaliamo la ricetta di uno dei nostri dolci pugliesi preferiti. Continua a leggere!

I mustazzoli

Vogliamo iniziare questa rassegna parlando dei mustazzoli. Si tratta di una delle ricette pugliesi più diffuse, e si trovano solitamente anche in Sicilia. Hanno l’interno fatto di zucchero, farina, mandorle e miele e sono ricoperti di una squisita glassa al cioccolato. I mustazzoli sono di origine. Questa origine si evince dal fatto che sono dolci senza lievitazione, com’è tipico in quell’area del mondo. Non abbiamo fonti accreditate che ci aiutino a datare con esattezza il loro ingresso nella cucina pugliese, ma sicuramente si sono radicati nel territorio da qualche secolo.

Sono dolci tipici del Natale, ma non è raro vederli anche durante alcune feste patronali. La ragione della presenza dei mustazzoli durante le feste patronali è invece conosciuta. Luigi Sorgente, gelataio, durante la seconda guerra mondiale ebbe l’esigenza di destagionalizzare i propri guadagni, così scelse di vendere anche i mustazzoli durante le feste padronali. Da quel momento i suoi figli continuarono con questa consuetudine e altri esercenti fecero lo stesso. Il bello di questi dolci è che si trovano in mille varianti: la pasta interna può essere composta da diversi ingredienti: mandorle, cannella, scorze di agrumi, chiodi di garofano.

Le carteddhrate

In italiano siamo soliti chiamarle cartellate. Sono molto simili a un altro dolce tipico salentino di cui parleremo più avanti: i purceddhruzzi e, come capita per molte altre ricette leccesi, non sono diffuse soltanto in Puglia ma anche in altre regioni vicine, come la Campania.

Sono fatte di strisce di pasta dolce che vengono intrecciate e poi fritte, per farle diventare croccanti. Immancabile, anche in questo caso, il miele e la presenza della frutta secca e della cannella. Ma a cosa si deve questa interessante intrecciatura? Si dice che sia il simbolo della fasciatura che avvolgeva Gesù Bambino nel giorno della sua nascita, oppure che richiamino l’intreccio della corona di spine o un’aureola. A seconda della zona di produzione cambia la forma dell’intreccio. A nord di Lecce le carteddhrate cambiano leggermente forma, e si avvicinano maggiormente alla forma delle chiacchiere carnevalesche.

Le pittule

Le ricette tradizionali leccesi sono piene di dolci. Ma non volevamo dimenticarci di una ricetta salata e famosissima. Si tratta delle pittule, ovvero buonissime frittelle morbide realizzate con farina e olio, semplicissime da realizzare ma talmente tanto buone da mangiarne una dietro l’altra. Gli ingredienti sono pochi, ma è importante che siano freschi.

Eppure dobbiamo fare una precisazione. Non è solo una ricetta natalizia, anzi, di solito si preparano per la festa di San Martino, l’11 novembre, per festeggiare l’arrivo del vino nuovo e la fine della fermentazione. Dicono che siano di buon auspicio. Sarà per quello che vengono molto spesso riproposti anche Natale.

I purceddhruzzi

Chiudiamo questo articolo sulle ricette leccesi natalizie con queste piccole palline di pasta dolce, fritte e ripassate nel miele. Vengono messe una sopra l’altra e vengono cosparse di cannella, pinoli, mandorle e noccioline. Sono dolci presenti in molte ricette tipiche del Sud Italia, soprattutto in Puglia e Campania.
Colpisce particolarmente il nome, che sembra derivare dalla parola “porcellini” nella sua versione dialettale. Questa ipotesi nasce dall’idea che le palline ricordano vagamente la forma di tanti porcellini. Probabilmente la vita naturale delle popolazioni locali, così legata ad allevamento e coltivazione, ha influito anche sui nomi dei piatti tipici.

Per prepararli ecco di cosa hai bisogno:

  • 1 chilo di farina
  • 200 grammi di anice
  • 100 grammi di olio
  • 100 grammi di zucchero
  • 1 kg di miele
  • scorze di arance e mandarini
  • cannella

Fate scaldare tanto l’olio in padella insieme alle scorze d’arancia e mandarini. Quando l’olio è caldo togliete le scorze. Mescolate l’olio (non bollente!) con farina, anice, scorza di agrumi grattugiata, zucchero e cannella e continuate ad amalgamare fino a ottenere una pasta omogenea e morbida. Tagliatela in piccoli pezzi della forma di dadini, se volete conferirgli il particolare effetto rigato dovrete passarli uno alla volta sul retro di una grattugia. Friggeteli. Successivamente fate bollire il miele a fuoco basso e mescolateci dentro i purceddhruzzi. Una volta che li avrete impiattati potete cospargerli di zuccherini e mandorle tostate.

Ultimo avvertimento: attenzione, perché uno tira l’altro.
Questa ricetta era il nostro augurio di buone feste e buon Natale!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali