informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Rifiutare voti all’università: perché farlo e quando

Commenti disabilitati su Rifiutare voti all’università: perché farlo e quando Studiare a Lecce

Uno dei più grandi crucci degli studenti che si apprestano alla sessione d’esami con ansie e paure, è quello di riuscire a valutare con obbiettività se rifiutare voti all’università o meno.
Calcolare la media prima di rifiutare un voto
In questo articolo lo staff della Università Niccolò Cusano di Lecce vuole venire incontro a questi studenti spiegando i motivi per cui possa valere la pena rifiutare un voto.

Quando rifiutare voto all’università

Dunque, quando è “concesso” di rifiutare una valutazione non molto alta ricevuta da un professore al termine di un esame? In realtà non esiste una risposta universale a questo quesito: possiamo però cercare di riassumere quelle occasioni in cui rifiutare un voto sembrerebbe la soluzione migliore.

Se si hanno preoccupazioni extra-universitarie

Nel caso ci si sia presentati all’esame ben preparati ma con una predisposizione d’animo negativa (magari a causa di fattori scatenanti extra-universitari che rientrano nell’area affettiva, personale, familiare o lavorativa), è facile che l’emozione possa prendere il sopravvento sulla memoria portando il professore a voler firmare il libretto con un voto abbastanza basso.

In questo caso, è d’obbligo innanzitutto una autoanalisi: se si è davvero convinti di essere bene preparati e di aver studiato al meglio delle proprie capacità, imputando quindi il brutto voto a una causa esterna, è bene rifiutare il voto e ritentare l’esame, affrontandolo con una maggiore tranquillità e consapevolezza.

Se si è stati colti da ansia da prestazione

Magari è il primo esame, magari lo si sta affrontando in un momento di forte stress, magari è una materia a cui teniamo molto… in tutti questi casi l’ansia da prestazione può prendere il sopravvento sullo studio. Anche qui, se si è sicuri di potere e volere fare di più, è bene non accontentarsi di una valutazione non eccellente, ritentando a dare l’esame al prossimo appello consentito.

Se si tratta della materia nella quale si intende laurearsi

Una ultima motivazione per cui rifiutare un voto ad un esame, è quando il voto non troppo alto lo si è preso nella materia (e con il professore) con cui si intende laurearsi. In questo caso, magari, sarà il professore stesso ad apprezzare la voglia dello studente di riuscire al meglio e in maniera brillante nella materia in oggetto in quanto sarà proprio su quegli argomenti che intenderà sviluppare il lavoro di tesi.

A proposito di questo, è bene ricordare che il perché scegliere di rifiutare un voto ad un esame, non può prescindere dal calcolo del voto di laurea. Infatti, spesso, quello che può sembrare un brutto voto non va ad intaccare la media ponderata con la quale si calcolerà, poi, il voto di laurea.

Dunque, è bene fornire in questo articolo alcune specifiche sul calcolo del voto della laurea in quanto anche questa considerazione rientra nell’ambito di rifiutare un voto all’università.

Calcolare la media prima di rifiutare un voto

Nel momento in cui la carriera universitaria è arrivata a circa la metà di esami svolti, è possibile iniziare a calcolare la media che porterà poi al voto di laurea.

Ma come si calcola la media ponderata?

La media ponderata aritmetica viene calcolata sommando i valori in analisi (dunque: i voti), ognuno moltiplicato per un coefficiente specifico (in questo caso il numero di crediti dell’esame) che ne definisce l’importanza, o il peso. Infine, si dovrà dividere il risultato ottenuto per la somma dei coefficienti.

Per questo motivo, un voto basso preso in un esame da pochi crediti, spesso non va ad influire sulla media ponderata.

Dunque, prima di iniziare a preoccuparsi se rifiutare o meno un voto ad un esame è importante focalizzarsi sulla media ponderata ottenuta fino a quel momento o – in ogni modo – analizzare sempre il voto in base ai crediti formativi dell’esame in oggetto.

Ecco cos’è la media ponderata: il modo per calcolare approssimativamente il voto di laurea e riuscire a discernere quando e come rifiutare un voto (capendo, in sostanza, se ne vale la pena!).

Successivamente al calcolo della media ponderata, è possibile calcolare il voto di base dal quale si partirà in sede di laurea. Come farlo? Basta semplicemente moltiplicare il valore della vostra media ponderata per 11 e poi dividerlo per 3.

Per fare un esempio, se dal calcolo della vostra media ponderata esce il voto di base di 24,16, occorre effettuare la seguente operazione:

(24,16 * 11) / 3 = 88,5

Il risultato ottenuto (ovvero 88,5 nell’esempio) sarà il voto di laurea di base, al quale bisognerà aggiungere i punti forniti dalla tesi.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali