informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come risparmiare energia elettrica e abbassare i costi delle bollette

Commenti disabilitati su Come risparmiare energia elettrica e abbassare i costi delle bollette Studiare a Lecce

Tutti gli italiani si chiedono come risparmiare energia elettrica. Gli aumenti sono sempre dietro l’angolo e aumentano anche i consumi, soprattutto nelle famiglie numerose. Ma esistono dei metodi per ridurre i costi delle bollette. Vediamo cosa si può fare per evitare il salasso dei pagamenti delle utenze.

Risparmiare energia e risparmiare denaro

Aumenti, aumenti, ma che ti lamenti? Scherzi a parte, hai ragione a lamentarti, hai tutta la ragione del mondo. Quando senti la parola “rialzo” ti vengono i brividi. Hai tentato in tutti i modi di fare economia ma ancora non sei riuscito a capire come ridurre i costi delle bollette. La prima parola d’ordine è: non sprecare. Dovrebbe essere un vero e proprio comandamento. Uno: perché sprecare significa non riconoscere il valore di un bene/servizio, due: perché alla fine lo spreco è qualcosa che ti dimezza gli stipendi senza che te ne accorgi.

Se hai intenzione di risparmiare sulle bollette, benvenuto nel club. Ci siamo anche noi. Ora contatori alla mano cerchiamo di trovare delle soluzioni concrete, eccone alcune:

  • Confrontare le proposte dei fornitori
  • Usare in modo ottimale gli elettrodomestici
  • Risparmiare energia in cucina
  • Migliorare il rendimento del riscaldamento
  • Scegliere l’energia rinnovabile

Sono le prime cose che puoi fare per risparmiare energia in caso (o anche nel posto di lavoro se possiedi un ufficio o un’azienda). Ti accompagniamo in questo percorso di scoperta dell’uso consapevole dell’energia elettrica, finalizzato al risparmio.

Confronta i fornitori di energia

L’ultima volta che gli italiani si sono ritrovati un rincaro nella bolletta è stato il luglio 2018. In quell’anno l’energia elettrica è arrivata a costare il 6,5%, questo in economia vuol dire una cosa sola: essere al di sopra del livello dell’inflazione. L’Autorità di Garanzia ha raccolto dati allarmanti, una famiglia composta da sole due persone arriva a pagare bollette della corrente domestica che ammontano anche a 60 euro al mese. E stiamo parlando di due sole persone. Cosa succede a quelle che invece si compongono di quattro persone, o anche di più. Facile superare la soglia dei cento euro. E stiamo parlando soltanto della bolletta della corrente elettrica, immagina che a questa si aggiungono anche le altre. Cosa si fa in questi casi? Si confrontano le offerte disponibili sul mercato. Il web è pieno di servizi gratuiti che consentono di inserire gli estremi delle proprie utenze per fare un calcolo del risparmio che si otterrebbe passando con un altro fornitore. A volte la differenza non è grande, altre volte è significativa. Vale la pena fare un tentativo.

Risparmiare sulla corrente ottimizzando l’uso degli elettrodomestici

pagare meno le bolletteTra i fattori che incidono sul prezzo delle bollette c’è l’uso di elettrodomestici. Chi vive senza? Tutti ne abbiamo più di uno. Phon, frigo, lavatrice, ma la lista cresce insieme alle infinite possibilità che le innovazioni dell’ingegneria ci mettono a disposizione. Quali sono gli elettrodomestici che consumano di più? Vi facciamo la classifica dal più energivoro all’ettrodomestico che consuma meno:

 

  1. Frigorifero
  2. Lavatrice
  3. lavastoviglie
  4. Scaldabagno elettrico

Tutti gli elettrodomestici consumano tanto, ma questi di più. Per questo bisognerebbe sostituire gli apparecchi quando sono vecchi, perché la classe di efficienza energetica impatta tantissimo sui loro consumi. Mi raccomando non farti fregare, se sono apparecchi nuovi devono funzionare a basso consumo ma a prestazione ottimale. I modelli da scegliere sono:

  • A+
  • A++
  • A +++

Usare gli elettrodomestici in modo efficiente significa anche spegnerli e scollegarli del tutto quando ci assentiamo per vacanze. Utilizzare le ciabatte con interruttore e spegnerle prima di andare a dormire o quando gli apparecchi che sono collegati non ci servono.

Risparmiare energia in cucina

La cucina è lo spazio domestico più amato dagli italiani, che ci passano innumerevoli ore. Sarà per questo che è una delle stanze che influenza maggiormente la spesa in bolletta? Qui cuciniamo per ore, tenendo le luci accese, il forno a microonde, o il forno elettrico. E anche il gas dei fornelli consuma energia, anche se non è quella elettrica te la ritroverai comunque in qualche bolletta.

Quali sono le abitudini buone da adottare per avere un risparmio sui consumi dell’energia? La pentola a pressione accorcia i tempi di cottura, quindi sarebbe da privilegiare. Anche un gesto semplice come sgrassare le stoviglie e le posate prima di fare il lavaggio in lavastoviglie può fare abbondantemente la differenza. Ma ci sono anche altri accorgimenti, come quello di evitare la ripetuta apertura e chiusura del frigo, oppure scegliere cibi freschi e insalate e rinunciare ad accendere il forno ventilato tutti i giorni.

Energia elettrica e risparmio sul riscaldamento

Quelle stufette elettriche che ti spari a tutta potenza nel bagno prima di farti il bagno… quanto sono piacevoli? Le hai benedette mille volte, per poi maledirle quando arriva la bolletta. Il riscaldamento è una spesa molto sostanziosa per tutti. Tra pompe di calore, stufette elettriche e quant’altro ci si ritrova indebitati facilmente. Però c’è una buona notizia, gli esperti sostengono che sia possibile risparmiare fino al 40% sulle spese del riscaldamento, facendo un po’ delle valutazioni. Queste valutazioni riguardano non solo lo stato di salute del portafoglio ma anche quello del pianeta. Ridurre i consumi di energia significa anche ridurre l’inquinamento e fare un gesto concreto contro il riscaldamento globale. Sì, perché il caldo è bello, ma quello che sta emergendo in questi anni è davvero preoccupante. Allora cosa si può fare per risparmiare sul riscaldamento?

  • Migliorare l’isolamento
  • Programmare gli orari
  • Coprirsi di più
  • Sceglier soluzioni ecologiche

Come risparmiare sulle bollette con l’energia rinnovabile

I pannelli solari e i pannelli fotovoltaici sono entrati nelle nostre vite, anche se ancora è basso il numero di persone che scelgono di installarli. Chissà perché! Se sapessero che una scelta di questo tipo coincide anche con un risparmio notevole forse correrebbero subito a richiedere un preventivo e un sopralluogo per un’eventuale installazione. I pannelli solari sono un investimento, bisogna ammettere che hanno costi, però a volte non così elevati.

Installare un pannello solare per risparmiare energia può aiutarti a ridurre le bollette dell’acqua calda, anche dell’80%. Anche sul riscaldamento dello spazio domestico, è stato calcolato che il risparmio è parti al 60%, se non di più.

Risparmiare energia: si può fare

pannelli solari risparmioLe lampadine a basso consumo, quelle ad alta efficienza, sono un risparmio assicurato. È un po’ il problema dei pannelli solari, la gente è convinta che costino troppo, ma non si rende conto che la spesa iniziale si ripaga in poco tempo grazie al risparmio in bolletta.

Imparare a comprendere quanto costa l’uso degli elettrodomestici può orientare la tua spesa in modo intelligente. Avete mai sentito parlare di misuratore dei consumi? È un apparecchio che si collega alla spina dell’elettrodomestico di cui vuoi conoscere i consumi. Non costa tanto, ed è una buona idea per monitorare quali sono quelli che impattano maggiormente. Aiuta soprattutto a capire dove ci sono dispersioni. A volte gli elettrodomestici più vecchi, come gli scaldabagni, sono la causa principale delle esorbitante cifre che ti sei trovato a pagare.

Puoi fare molti passi avanti per risparmiare energia elettrica. Questi sono solo alcuni accorgimenti, che volendo puoi mettere in pratica fin da subito, ma siamo sicuri che con il tempo troverai anche altri modi, e la tua vita sarà piena di soddisfazione, perché risparmiare non è solo economicamente vantaggioso ma anche eticamente appagante.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali