informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Stato federale: definizione, caratteristiche, esempi

Commenti disabilitati su Stato federale: definizione, caratteristiche, esempi Studiare a Lecce

Volete saperne di più sullo stato federale e sulla sua organizzazione politica interna? In questo articolo a cura dello staff della Università Niccolò Cusano di Lecce saranno toccati vari punti d’interesse comune sia per gli studenti universitari che vogliono ampliare la loro cultura di carattere generale sia per coloro che – iscritti a corsi di laurea o master specifici – intendono avere una visione più dettagliata di alcune organizzazioni statali.

Caratteristiche dello stato federale

Cominciamo subito col dare una definizione dello stato federale, spiegando in cosa consiste la sua organizzazione politica. Nello specifico, Uno Stato federale è una forma di governo in cui i poteri sovrani sono ripartiti con un sistema di divisione che permette agli Stati membri di conservare una parte della propria sovranità e prendere alcune decisioni in autonomia.

Gli stati membri vengono anche chiamati stati federati e possono partecipare ai processi di revisione costituzionale dello stato centrale oltre a potersi dotare autonomamente di una propria costituzione senza che questa sia sottoposta a verifica o approvazione preventiva.

Questa massima autonomia, seppur con un senso di “centralismo” offre agli stati membri della federazione una maggiore spinta verso la suddivisione dei poteri e delle competenze e – al contempo – verso una spiccata forma di cooperazione.

Divisione del poteri nello stato federale

Nello stato di tipo federale esiste una divisione dei poteri così orientata:

Potere legislativo

Il potere legislativo è di stampo bicamerale così che Camera e Senato siano rispettivamente portavoce del popolo della federazione in misura proporzionale al numero degli elettori e dai rappresentanti degli Stati. Ad esempio, negli Stati Uniti d’America al Senato vanno due rappresentanti per ogni Stato.

La Costituzione, negli stati federali, non è solo scritta bensì coadiuvata anche da una serie di poteri autonomi che siano in grado di annullare i provvedimenti legislativi e amministrativi incostituzionali e che si pronunci in ultima istanza inequivocabile e inappellabile negli eventuali conflitti di attribuzione dei poteri.

Potere giudiziario

È proprio il potere giudiziario a garantire il rispetto della costituzione e – visto che nessuna autorità governativa statale dev’essere subordinata alle altre  –  è indispensabile che ciascuna disponga delle risorse necessarie per lo svolgimento delle funzioni assegnatele dalla Costituzione. Dunque, in altre parole, il potere giudiziario ha il compito di interpretare e stabilire la costituzionalità delle leggi federali e di risolvere le controversie riguardanti tali norme.

Potere esecutivo

Infine, nello stato federale vediamo che il potere esecutivo è indipendente dalla fiducia del parlamento. Tornando a fare l’esempio degli USA, il potere esecutivo è nelle mani del Presidente.

I primi di stati federali, ecco la storia

Il primo esempio di federalismo, nella nostra storia, risale al 1310 ad opera della Federazione dei Sette Comuni, situati nelle attuali Province di Vicenza e di Trento.

federalismoD’altra parte è stata proprio la Costituzione degli Stati Uniti d’America la prima espressione concreta di federalismo (ne vedremo più avanti i dettagli), nata con l’obbiettivo di dare un’unità politica alle 13 ex colonie inglesi, mantenendo comunque una profonda autonomia per ciascuna di esse.

La Svizzera, invece, fu il primo stato europeo a diventare federazione già dal XIX secolo, e anche di questo parleremo diffusamente più avanti,.

Nel corso del XX secolo, poi, il modello di stato federale si è esteso nel resto del mondo. In Europa lo troviamo in Germania, in Belgio e in Austria; in Sud America in Brasile, in Venezuela, in Argentina e in Messico; in Africa spicca la Nigeria.

USA e Svizzera, due esempi di federalismo

Dopo aver fatto dei veloci esempi, andiamo ad indagare quelli che sono due tra i più famosi stati confederati nel mondo, precisando che ne esistono comunque molti altri.

Federalismo negli USA

Gli Stati Uniti d’America (che nel dettaglio sono una Repubblica federale di tipo presidenziale) hanno raggiunto questa conformazione politica in seguito all’indipendenza dall’Inghilterra sancita il 4 luglio 1776.

Nel 1787 viene approvata la Costituzione americana che prevede la forma di stato federale e repubblica presidenziale. Questo ordinamento di basa si una rigida divisione dei poteri: il potere legislativo spetta al Congresso, il potere esecutivo esercitato dal Presidente e il giudiziario affidato alla Corte Suprema.

Con la Costituzione e i successivi 10 emendamenti, vengono così sancite alcune caratteristiche basilari dello stato liberale: la divisione dei poteri e il riconoscimento dei diritti del cittadino.

Proprio il quinto emendamento, ad esempio, è divenuto la bandiera dei diritti individuali in quanto afferma l’inalienabile diritto a non dire o fare cose che possano nuocere a se stessi. Il testo recita così: “Nessuno sarà obbligato a rispondere di reato, che comporti la pena capitale o che comunque sia grave, se non per denuncia o accusa fatta da un Grand Jury, a meno che il caso non riguardi membri delle forze armate o della milizia in servizio effettivo, in tempo di guerra o di pericolo pubblico; e nessuno potrà essere sottoposto due volte, per uno stesso reato, ad un procedimento che comprometta la sua vita o la sua integrità fisica; né potrà essere obbligato, in una causa penale, a deporre contro se stesso, né potrà essere privato della vita, libertà, o proprietà senza due process of law e nessuna proprietà privata potrà essere destinata ad uso pubblico senza equo indennizzo”.

Svizzera come stato federale

stato regionaleArriviamo poi ad un altro esempio di federalismo: la Svizzera, In questo caso si parla più correttamente di stato regionale. In Svizzera il federalismo venne introdotto nel 1848, con lo scopo di far coesistere diverse peculiarità territoriali (come ad esempio lingue diverse e differenze geografiche) e annovera una divisione dello Stato in 26 Cantoni, a loro volta suddivisi in oltre 2300 Comuni.

La struttura della Costituzione definisce le competenze della Confederazione e dei singoli Cantoni. La prima, infatti, è competente nei settori in cui la Costituzione federale l’autorizza ad esserlo come ad esempio la politica estera e monetaria e la legislazione nazionale mentre i secondi (con pari diritti) possiedono competenze in merito al sistema politico e alla riscossione delle imposte.

Ogni Cantone, inoltre,  ha una propria Costituzione, proprie leggi, un parlamento, un governo e tribunali propri.

Ulteriori competenze sono poi affidate ai Comuni che le svolgono negli ambiti loro espressamente assegnati dal Cantone o dalla Confederazione, ma possono anche legiferare nei casi in cui il diritto cantonale non preveda norme precise su una determinata materia che li riguarda.

A livello di struttura, ogni Cantone dispone di due seggi nel Consiglio degli Stati (con un’eccezione: 6 Cantoni su 26 sono considerati «semicantoni» e hanno diritto a un solo seggio). I Cantoni hanno inoltre il diritto di referendum: possono chiedere di sottoporre una legge federale al voto popolare (se i Cantoni richiedenti sono almeno otto).

Avete trovato utile questo articolo? Sicuramente gli studenti iscritti al corso di laurea scienze politiche e  relazioni internazionali a Lecce avranno modo di comprendere fino in fondo quanto queste caratteristiche politiche possano influire sulle relazioni degli stati Federali sia al loro interno sia verso l’esterno. Per ulteriori informazioni, comunque, non esitate a contattare tutor o docenti di riferimento.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali