informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Teorema di weierstrass: quello che c’è da sapere

Commenti disabilitati su Teorema di weierstrass: quello che c’è da sapere Studiare a Lecce

Per studiare il teorema di Weierstrass bisogna conoscere i fondamenti dell’analisi matematica. Se sei uno studente di un corso di laurea in Ingegneria sai bene di cosa stiamo parlando. Una disciplina che divide in due la popolazione: da una parte chi la ama, dall’altra chi la odia. D’altronde in Italia siamo un popolo di umanisti, ma se non esistesse qualcuno che conosce i vari teoremi e le questioni matematiche dove andremo a finire? In questo articolo non possiamo spiegare nel dettaglio tutti i concetti e gli strumenti di questa complessa disciplina. Ci limiteremo a fornire definizioni esaustive degli oggetti di studio.

Analisi matematica: teoria degli insiemi e altre

Prima di parlare del teorema in sé dobbiamo inquadrare il contesto in cui viene sviluppato e la materia in cui trova applicazione: l’analisi matematica. Difatti gli oggetti di studio dell’analisi sono diversi, tra cui:

  • La teoria degli insiemi
  • Calcolo infinitesimale
  • Comportamento di una funzione

Può darsi che tutto questo per te sia ancora arabo. Ma non ti preoccupare, una buona formazione scientifica o tecnica pone le basi su un’ottima conoscenza di queste nozioni. Pertanto se ti iscriverai ad una facoltà che prevede queste competenze sappi che tutti questi concetti verranno ripresi e approfonditi con molta attenzione. Ma intanto andiamo avanti.

Come abbiamo visto l’analisi matematica ha diverse estensioni e campi di ricerca. È un ramo di una disciplina più ampia, la matematica, da cui si muove per studiare le proprietà di un oggetto scomposto all’infinito. Si parla di calcolo infinitesimale, all’interno di questo tema si esplorano due nozioni di grande importanza:

  • Limite
  • Continuità
  • Infinito

Questi concetti diventano problemi matematici da risolvere tramite calcoli e indagini che sono al centro dello studio di diverse materie scientifiche come l’informatica, l’economia o le scienze naturali, associata alla sua disciplina sorella: l’analisi numerica.

La matematica prima del Teorema di Weierstrass

teorema di unicità del massimo e del minimoQuando parliamo di analisi matematica stiamo parlando di un ramo recente, nato introno alla seconda metà del 1600 in seguito alla riflessione di Isaac Newton e di Gottfried Leibniz. A questi due famosi studiosi si devono le basi concettuali del calcolo infinitesimale, prima di loro quasi del tutto sconosciuto.

I primi oggetti di studio dell’analisi matematica furono:

  • Rappresentazione geometrica nel piano cartesiano delle funzioni
  • Calcolo di aree
  • Caratteristiche geometriche di una curva

Ma un avanzamento dello studio e della ricerca condusse ben presto ad ampliare gli orizzonti, anche grazie all’evolversi di nuovi approcci scientifici con l’avvento della fisica che conduce fino allo sviluppo della meccanica razionale.

Fu solo verso la fine del 1700 che il concetto di limite venne definito in modo più chiaro. Prima era solo un’idea, un’intuizione che restava confinata nelle riflessioni dei filosofi. Ma l’introduzione di metodi di calcolo di un valore del limite aprì nuovi orizzonti e le vecchie nozioni e teoremi furono rivisitati, al posto delle giustificazioni geometriche si iniziò a ragionare su:

  • Numero
  • Insieme

I nuovi spazi consentirono di pensare gli spazi a dimensione maggiore di tre. Lo studio dell’analisi matematica consentiva di immaginare un mondo molto più vasto, approfondito e completo di quanto fno ad allora era stato possibile.

Le funzioni: cosa sono e i teoremi

Al centro dello studio di questo teorema c’è un elemento strettamente collegato all’analisi matematica: la funzione. In realtà sono diversi i concetti che studia questa disciplina, tra cui è importante ricordare:

  • La teoria degli insiemi
  • Le funzioni
  • L’operazione di limite
  • Serie
  • Derivata
  • Integrale

In questo caso esploreremo meglio i primi due concetti che sono quelli che ci interessano più da vicino.

Il concetto di insieme è la teoria degli insiemi costituiscono a una parte essenziale della matematica. All’interno degli insiemi si raggruppano elementi di diversa natura. La teoria studia le operazioni che intercorrono tra questi insiemi, tra cui la nozione di funzione.

Qui ci addentriamo meglio nel nostro ambito di interesse. La funzione viene studiata tramite operazioni più complesse, come quella del limite che conducono a risultati di grande interesse e utilità sia teorica che pratica. Qualche esempio delle proprietà che si possono definire tramite queste operazioni:

  • Continuità
  • Derivabilità
  • Differenziabilità

Nel 1900 si è iniziato a studiare lo spazio delle funzioni come spazio vettoriale topologico infinito-dimensionale, un avanzamento che corrisponde anche con lo sviluppo e la rapida crescita della scienza e della tecnica in molti settori.

Il teorema di Weierstrass si occupa di studiare l’esistenza di massimi e minimi di una funzione variabile reale. Questo è un tipo comune di funzione, in cui una legge dispiega la sua azione su numeri reali e li trasforma in altri numeri reali. Ne esistono due diverse categorie:

  • Funzioni algebriche
  • Funzioni trascendenti

La prima si costruisce attraverso un numero finito di applicazioni delle classiche operazioni dell’aritmetica e dell’elevamento a potenza. Anche questa macrocategoria a sua volte accoglie diverse funzioni.

La seconda, ossia le funzioni trascendenti non sono algebriche ma possono essere:

  • Logaritmiche
  • Esponenziali
  • Trigonometriche

Come dimostrare il teorema di Weierstrass

Ci sono diversi modi per dimostrare il teorema. Ma prima di spiegare come procedere dobbiamo introdurre il concetto di compattezza o di successione. Nel caso della compattezza la soluzione del problema matematico e la sua relativa dimostrazione è abbastanza semplice. Il teorema si basa proprio sulle funzioni compatte le quali consentono la loro trasformazione anche in funzione di y.

La funzione è dunque limitata e prevede solo un massimo e minimo assoluto, i quali sono unici.

Un altro metodo per spiegare il teorema di Wierstrass è la successione di punti.

Ti devi assicurare che ogni funzione abbia un punto x1 la cui funzione f (x1) sia uguale o superiore. La successione che dovrai costruire deve risultare superiore al punto di x. Da qui dovrai proseguire fino a raggiungere il punto x1 in questione. Queste sono le successioni: sequenze di numeri che protendono al superiore. Mediante il teorema di Bolzano la successione si chiude.

Grazie al matematico Bernard Bolzano è stato possibile assicurare l’esistenza di una radice delle funzioni continue reali, anche di quelle che assumono segni opposti alle due estremità dell’intervallo. Tale teorema è anche conosciuto con il nome di teorema degli zeri.

Applicazioni del teorema di approssimazione di Weierstrass

teorema di esistenza degli zeriChiunque abbia intenzione di iscriversi ad un corso di laurea in materie di tipo scientifico dovrebbe avere una generale infarinatura di queste nozioni. Il teorema di Bolzano o i concetti di funzione variabile reale sono pane quotidiano per coloro che si applicano in materie tecniche.
Possiamo rassicurare anche i più pessimisti: la matematica non è un’opinione. Come tale non è soggetta a nessuna variabile, anzi è sempre facilmente riconoscibile e comprensibile nelle sue formule e nei suoi concetti scritti nero su bianco su molti manuali. La sua complessità spaventa, ma con l’allenamento e la motivazione si apprende rapidamente. Le facoltà in cui si studia analisi matematica e le sue applicazioni sono:

  • Ingegneria biomedica
  • Ingegneria civile
  • Ingegneria elettronica
  • Ingegneria informatica

Soffermiamoci un attimo su quest’ultima. Quanti progressi sono stati fatti per giungere fino all’apice dello sviluppo tecnologico e multimediale in cui ci troviamo ora, in un tempo in cui è possibile studiare on line e scegliere di lavorare sul web? I grandi passi avanti fatti nel cammino tecnologico coincidono con lo sviluppo di strumenti più efficaci per studiare e approfondire i concetti dell’analisi matematica. Una materia a cui dobbiamo tantissimo. Ci auguriamo che questo articolo ti abbia fatto venire voglia di avvicinarti ancora di più a questa disciplina, magari frequentando uno dei nostri corsi di laurea o master on line, per formarti in modo completo ed efficace per il lavoro del tuo futuro.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali