informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come prepararsi per un concorso pubblico: 7 consigli da seguire

Commenti disabilitati su Come prepararsi per un concorso pubblico: 7 consigli da seguire Studiare a Lecce

In questo articolo affronteremo un discorso serio e una questione per molti spinosa: come prepararsi per un concorso pubblico. Da chi vuole sapere come diventare carabiniere, passando per chi sogna di lavorare in una biblioteca dopo aver conseguito la laurea in lettere. Sono tante le opportunità che nascono e si consolidano per chi ha vinto un concorso pubblico, proprio per tale motivo spesso le aule i cui vengono realizzati sono strapiene. La posizione professionale nel contesto della pubblica amministrazione fa gola a molti. I motivi sono semplici: orari di lavoro ridotti e gestibili, un buon stipendio, molte garanzie. Una gallina dalle uova d’oro per le tante persone alla ricerca di un impiego. Ma se il detto “che vinca il migliore” è ormai diventata una battuta un po’ retro e soprattutto retorica, è il caso di riportarlo in auge. Con una buona preparazione puoi davvero contare su conoscenze specifiche, le uniche che possono metterti in condizione di superare le prove scritte e gli eventuali orali necessari per valutare le tue competenze e scegliere se affidarti una posizione professionale.

Come prepararsi a un concorso pubblico

come preparare un concorsoAbbiamo pensato di fornirti 7 validi consigli per preparare un concorso pubblico. Prima di addentrarci meglio in ogni singolo titolo crediamo che sia opportuno ricordare a tutti che una delle prime regole, che riguardano gli esami in generale e non soltanto i concorsi pubblici, è quella di mettere a punto un buon metodo di studio. Pertanto se ancora non ne hai uno è sicuramente una buona idea quella di darsi da fare e di crearsene o impararne uno.
Noi daremo per scontato che tu faccia parte di una categoria di studenti che ha già trovato la sua modalità preferita ed efficiente per affrontare ingenti quantità di materiale di studio, e pertanto andiamo avanti con la nostra lista di consigli per preparare concorsi.

1. Studiare il bando

Ogni concorso pubblico prevede un bando. Ci stupisce ogni volta venire a conoscenza del fatto che alcune persone si recano ai concorsi senza prima aver letto il bando. Ma come si pretende di prepararsi al meglio per un concorso senza avere ben chiaro quali sono i requisiti richiesti!

Grazie al bando puoi carpire importanti informazioni, riguardanti il numero e il tipo di prove che dovrai affrontare e con queste informazioni puoi organizzare lo studio in anticipo e strutturando il metodo in base a ciò che ti aspetta, soprattutto in base agli argomenti. In alcuni casi il bando stesso offre consigli in merito a eventuali manuali specifici consigliati. Non perdere tempo e scarica subito il bando del concorso. Anzi, la prima fonte da studiare è proprio questa.

2. Tempistiche e organizzazione

Ora che hai un’idea di quali sono le materie che devi studiare per affrontare le prove di un concorso pubblico devi passare all’azione. Prima ancora di fiondarti sui libri però c’è un aspetto non secondario che rischi di trascurare e che ci teniamo a ricordare a tutti: l’organizzazione relativa ai passaggi burocratici che sovente sono previsti dai diversi tipi di concorso.

Cerca con attenzione quanto tempo hai per candidarti dopo la pubblicazione del bando e se la gara prevede una banca dati da studiare, e di conseguenza quali tempistiche devi pianificare per gestire tutto senza farti sfuggire niente rischiando di perdere la tua organizzazione. Non sempre si ha molto tempo a disposizione, ma un piccolo segreto è quello di prendere in considerazione un concorso come parte di una preparazione più ampia. Se anche non dovessi superare quello che hai previsto nello specifico ne subentreranno altri a cui partecipare. Dunque continuerai a prepararti e accumulerai un bagaglio sempre più corposo.

3. Misurare quanto studiare per un concorso

Hai capito come accedere a un concorso pubblico grazie al bando che hai letto, in cui ti viene spiegato con attenzione quali sono i requisiti di accesso e i criteri di selezione e valutazione. Adesso come fai a capire quanto tempo impiegherai a prepararti? Sei a conoscenza del tempo che hai a disposizione, manca soltanto un ulteriore fattore per comprendere come organizzare il planning di studio nello specifico, ovvero sapere quanto materiale devi studiare. Quanti libri, manuali o altro. Una volta quantificato il materiale ti sarà più semplice suddividere la quantità per il tempo che ti rimane prima di affrontare le varie prove.

4. Sapere precisamente quando studiare

Un altro consiglio riguarda quando studiare nel corso del tempo che hai stabilito. È molto importante comprendere quali sono i momenti più propizi all’apprendimento. Calendario alla mano, se hai deciso di dedicare allo studio due ore al giorno (possono essere di meno o di più a seconda dei tuoi impegni personali o professionali) cerca di capire dove sia meglio collocare concretamente quelle due ore. Se lavori tanto e sai di non avere tanto tempo a disposizione è meglio riservarsi sempre il week end, valutando bene anche i tempi di riposo per evitare di andare in burn out.

L’importante è fissare il tempo di studio nei giorni in cui si può davvero studiare, perché saltare la tabella di marcia può creare frustrazione e stress, due elementi che di certo non agevolano i processi di studio.

5. Fare delle simulazioni

studiare per un concorsoSappiamo bene che i concorsi possono generare ansia, ma non bisogna mai ricordarsi che la nostra vita non dipende dalla valutazione di quelle prove. È bene tenerci in particolar modo, ma non è un bene stressarsi o fare una tragedia in caso di risultati negativi inaspettati. Ma veniamo a un consiglio che ha aiutato moltissime persone a superare i concorsi pubblici in modo più semplice.

Oltre alla preparazione teorica classica, fatta di studio approfondito, è sempre bene anche prepararsi “praticamente”. O meglio, fare delle simulazioni delle prove ed esercitarsi con eventuali quiz o altre prove specifiche che sai che ti capiteranno.

6. Ansia, impara a volergli bene

Gli ultimi due consigli riguardano fattori meno tecnici e più personali, ma ciò non significa che siano meno importanti. Stiamo parlando, in questo paragrafo, dell’ansia. Non vogliamo fare affermazioni perentorie come “niente ansia”, oppure sminuire l’evento a cui ti stai preparando dicendoti “che sarà mai!”, anzi vogliamo rassicurarti sul fatto che l’ansia è perfettamente normale in questi momenti. Se percepisci che diventa particolarmente forte e ingestibile sappi che si può fare molto per stare meglio, compreso valutare di iniziare un percorso di psicoterapia.

Si può imparare molto bene a gestirla soprattutto “volendole bene”. Ricordati che quello stato d’animo nasce da una parte di te ferita, insicura, spaventata, che ha diritto di essere coccolata e non eliminata o scacciata via. Yoga e meditazione da sempre sono buoni alleati, ma ognuno può trovare la propria strada per “scaricare l’energia” e per esprimere positivamente le proprie tensioni.

7. Scegliere il concorso giusto

Infine vogliamo darti un consiglio spassionato, anche se può sembrarti controcorrente. Ovvero: sei proprio sicuro di voler partecipare a un concorso pubblico. Se stai pensando di farlo contro il tuo vero volere forse faresti meglio a pensarci due volte. Sai, molte persone si chiedono come diventare carabiniere perché hanno da sempre il desiderio di intraprendere quella carriera, e queste persone sanno cosa vuol dire “motivazione”. Poi ci sono persone che fanno concorsi pubblici perché navigano a vista e non sanno esattamente cosa fare nella vita. È proprio a queste persone che ci rivolgiamo quando diciamo “pensateci bene”. È vero, la vita è imprevedibile e non si sa mai, può sempre succedere che si aprano delle porte dove non sembrava esserci nemmeno uno spiraglio. Ma il nostro consiglio di fondo era questo: fai quello che ti fa stare bene!

Credits foto in evidenza: Depositphotos.com – pressmaster

Credits foto 1: Depositphotos.com -Syda_Productions

Credits foto 2: Depositphotos.com – luckybusiness

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali