informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

La produttività dello studio aumenta grazie al metodo

Studio e produttività sono due concetti legati a filo doppio con il metodo di studio utilizzato. A rivelare il metodo perfetto per riuscire a concentrarsi nello studio aumentando la possibilità di prendere buoni voti agli esami universitari è lo staff della Unicusano di Lecce.
metodi di studio
Esistono, infatti, delle tecniche di studio volte a favorire la memorizzazione dei concetti studiati senza sforzo anche per studenti che riconoscono di avere difficoltà nell’apprendimento universitario – così diverso da quello a cui si era abituati nel corso delle scuole superiori.

Gestire lo studio universitario: ecco dei metodi efficaci

Per rispondere all’esigenza di molti giovani matricole iscritte ai corsi di laurea promossi dall’Università Niccolò Cusano di Lecce, in questo articolo analizzeremo alcuni metodi di studio che aiuteranno tutte le tipologie di studente a portare a termine con destrezza il percorso universitario.

Metodo del pomodoro: la tecnica per aiutare i distratti

Coloro che hanno bisogno di un aiuto a mantenere salda la concentrazione possono approfittare della tecnica del pomodoro: un metodo di studio che prende il nome da un timer per cucina (proprio a forma di pomodoro) utilizzato dal fondatore di questa tecnica.

Si basa, infatti, sul mantenere la concentrazione sui libri per il tempo fissato dal timer: prima breve e man mano sempre più lungo – intervallando questi momenti ad altri di pausa.

In questo modo, gli studenti che più facilmente cedono alla distrazione riusciranno a canalizzare la loro attenzione sul libro di studio, sapendo che poi il trillo del timer verrà in loro soccorso per una meritata pausa! Questo metodo di studio consente, dunque, di imparare a gestire il tempo di studio.

La problematica riscontrata da questa tipologia di studenti – ma non solo – è proprio quella di comprendere la quantità di tempo da destinare allo studio: spesso si tende a studiare tanto  ma senza imprimere qualità nell’atto di farlo. Il tempo, infatti, non è necessariamente importante; ad essere fondamentale è quanta attenzione si ripone nel tempo prestabilito da dedicare all’apprendimento.

Lettura veloce: perfetta per gli impazienti

Gli studenti, invece, che non riescono a dedicare troppo tempo allo studio o che si riducono sempre all’ultimo momento per studiare in vista di un esame, possono approfittare dei metodi di studio veloce.

Le tecniche di lettura veloce, infatti, aiutano a memorizzare in breve tempo – ma comunque in modo efficace – le nozioni utili a sostenere l’esame. Queste tecniche di studio si basano sul fatto che l’occhio può riuscire a focalizzarsi sulla pagina da studiare “carpendo” le informazioni necessarie e più importanti al fine della comprensione. Il modo migliore è quello di allontanarsi dalla pagina per permettere all’occhio di avere una visione completa non solo delle parti evidenziate ma anche di titoli e paragrafi del testo.

Ripetizione ad alta voce: il modo per tranquillizzare gli insicuri

Coloro che sono insicuri e si lasciano trasportare dall’ansia, hanno bisogno di approfittare di un metodo di studio che consenta di acquisire sicurezza e tranquillità. Il modo migliore – secondo lo staff dell’Università online Niccolò Cusano – è quello di dedicare più tempo alla ripetizione delle lezioni ad alta voce.

Una volta effettuata una prima lettura del testo, in vista dell’esame, è importante ripetere – magari registrandosi, così da poter controllare eventuali imperfezioni o migliorare l’esposizione in presenza di concetti più “tecnici”.

Mappe concettuali: un aiuto per i confusionari

Infine, parliamo degli studenti universitari che hanno difficoltà a organizzarsi senza cadere nella confusione. Per tutti questi, è importante redigere mappe concettuali e appunti schematici organizzati in modo tale da gestire il momento dello studio senza far pasticci.

Le mappe concettuali sono costituite da due diversi elementi: i “nodi” (cioè i concetti chiave dell’argomento che si sta studiando) e le “relazioni associative” (graficamente possono essere rappresentate con delle frecce che collegano i diversi nodi concettuali e rappresentano i nessi logici che si instaurano tra i concetti).

La schematizzazione grafica aiuterà a fissare i concetti più importanti, sviluppando la memoria visiva che tornerà in aiuto nel momento in cui – all’esame – il docente richiederà di fare un collegamento tra due concetti. E non solo: lo studente che applicherà queste relazioni concettuali autonomamente sarà estremamente apprezzato e trasmetterà il messaggio di aver studiato in maniera efficace ed attenta.

E voi a quale “categoria” di studenti appartenete? Avete trovato utili i nostri consigli per organizzare efficacemente lo studio?

Commenti disabilitati su La produttività dello studio aumenta grazie al metodo Studiare a Lecce

Leggi tutto

App registratore vocale: le migliori da scaricare

Sei interessato a sapere di più sulle app di registratore vocale presenti negli store del tuo smartphone? Questo è l’articolo che fa per te!
registratore vocale gratis
Questo tipo di app sono molto utili in vari momenti della vita universitaria. Infatti, anche se si sta studiando a casa in quanto si è deciso di frequentare l’università online a Lecce Niccolò Cusano, le app per registrazione vocale possono tornare utili ai fini di uno studio efficace.

Da un sondaggio condotto a tal proposito dallo staff della Università online Niccolò Cusano di Lecce, emerge che il 34% dei giovani studenti universitari utilizza le app di registratore suoni per memorizzare in digitale le proprie ripetizioni delle lezioni in vista di un esame. Perché? Perché risentirsi dal vivo permette di correggere il tiro su eventuali carenze linguistiche o di esercitare la memoria su concetti che – enunciati – risultano meno chiari all’ascoltatore. Diciamo una versione 2.0 della ripetizione alla mamma o all’amico… con l’aggiunta del fatto che i più critici ascoltatori siamo proprio noi stessi!

Ma non solo, ad aver bisogno di un registratore vocale gratis è anche il 33% degli studenti. Questi, infatti, hanno ammesso di sentire l’esigenza di fissare gratuitamente su un podcast anche le lezioni (o alcune parti di queste) seguite online. La motivazione è semplice: non sempre si ha a disposizione una connessione internet e, dunque, le lezioni non sono sempre consultabili. Ma se si hanno dei dubbi (anche pochi minuti prima dell’esame) un file audio scaricato sull’archivio del proprio cellulare può essere un vero e proprio strumento per aumentare le possibilità di conseguire un buon voto.

Inoltre, il 21% degli studenti ammette di aver bisogno di una app leggi messaggi. La motivazione è semplice: mentre si è immersi nello studio molti studenti tendono a distrarsi per consultare eventuali notifiche presenti sullo smartphone (con la suoneria impostata in modalità silenziosa); per ovviare a questo problema, dunque, esistono delle applicazioni che leggono ad alta voce i messaggi ricevuti. Risultano poi essere utili anche in altri contesti come ad esempio mentre si è alla guida della macchina ma si attendono delle comunicazioni importanti.

Infine, un 12% degli studenti ammette di avere necessità di scaricare sullo smartphone applicazioni che permettano la memorizzazione dei file su più dispositivi, come ad esempio i cloud. Il più gettonato è Google Drive in quanto si trova presente in tutti i dispositivi Android, segue a ruota iCloud per i dispositivi Ios. Tutti i cloud permettono di avere sincronizzati file importanti su tutti i dispositivi a cui si fa abitualmente accesso, senza “ingolfare” la memoria di hard disk esterni o pennette USB.

Quali app scaricare? Ecco alcuni consigli

Le app per la trascrizione audio più utilizzate dagli studenti universitari sono le seguenti (disponibili per dispositivi Android): Trascrizione audio, Speechnotes, ListNote voce Blocco Note, Speech to Text, Voice to Texte Automatic Transcriptor. Tutte queste app (e ne esistono anche molte altre) hanno delle caratteristiche in comune come il riconoscimento di segni di punteggiatura e caratteri speciali, l’integrazione completa con la tastiera, la riproduzione in pausa, la memorizzazione del testo e l’esportazione in file .txt.

Tra le altre app per la dettatura vocale troviamo: Dictadroid (solo per Android), Alon Dictaphone Super Note Taker e Dragon Dictation (Ios e Android). Queste app, con una interfaccia comrpensibile e professionale consentono di registrare file sonori di alta qualità, con la possibilità – poi –  di esportarli o condividerli su cloud in modo tale da averli sempre a portata di mano su tutti i dispositivi.

Vediamo adesso quali app scaricare per la lettura dei messaggi. Tra le migliori troviamo SpeakMe: una app di sintesi vocale (disponibile per Android) che è in grado di leggere non solo gli SMS ad alta voce ma anche il mittente dei messaggi whatsapp e delle email ricevute (o di qualsiasi altra applicazione).

Poi, segnaliamo l’app Made in Italy Geroge Go è un’app che, grazie alla sua interfaccia semplice, risulta essere facile e veloce da mettere in funzione. Ottima per essere usata in automobile, George App è in grado di leggere tutte le vostre notifiche in arrivo sullo smartphone.

Avete trovato utili i nostri consigli riguardo alle applicazioni più utili da avere sul cellulare?

 

Commenti disabilitati su App registratore vocale: le migliori da scaricare Studiare a Lecce

Leggi tutto

Biblioteche di Lecce: dove studiare in città

Hai deciso di frequentare i corsi di laurea proposti dall’Università online Niccolò Cusano a Lecce? Sei tra quegli studenti che hanno deciso di rimanere in città per formarsi? Allora questo articolo è quello che fa per te.
Perché studiare in biblioteca
Tutti coloro che hanno deciso di studiare da casa a Lecce, infatti, necessitano di qualche dritta sui luoghi migliori dove recarsi per studiare – se si vuole uscire dalle mura domestiche. E quale luogo migliore delle biblioteche di Lecce?

Scopriamo insieme perché le biblioteche sono così gettonate per lo studio e quali sono gli strumenti ad hoc per universitari che è possibile trovare se si decide di preparare gli esami in biblioteca.

Perché studiare in biblioteca?

Avete deciso di studiare online a Lecce? La cosa migliore è organizzarsi! Infatti, le lezioni potranno essere frequentate autonomamente collegandosi alla piattaforma telematica messa a disposizione sul sito web dell’università senza vincoli di orario. Ma se a casa la concentrazione stenta a restare immutata, meglio scegliere la biblioteca cittadina come luogo di studio.

Ecco, quindi, tre motivi validissimi per studiare in biblioteca

Possibilità di collegarsi gratuitamente ad internet

Lo studio online implica una sola necessità: avere a disposizione una rete internet. Ma niente paura: le biblioteche di Lecce hanno una rete wi-fi a disposizione che gli utenti potranno utilizzare per collegare i propri pc portatili. In questo modo sarà possibile accedere alle informazioni della rete e seguire le video-lezioni proposte dal piano di studi del corso di laurea che si sta seguendo.

Libera consultazione dei libri

Scegliendo di studiare online nelle biblioteche di Lecce, è possibile accedere tramite il portale delle biblioteche all’Opac Sbn tramite il quale è possibile conoscere i testi a disposizione della biblioteca. Infatti, spesso, a corollario dei testi universitari è bene avere con sé altri testi specifici che possano arricchire la conoscenza in riferimento ad un determinato tema (materia del prossimo esame, magari, o in vita della compilazione della tesi di laurea).

Fare nuove conoscenze

Infine, l’ultimo motivo è quello più “sociale”: in biblioteca sono molti gli studenti che decidono di studiare (circa il 67% tra quelli iscritti alle università online a Lecce e quelli che frequentano i classici corsi in presenza). Per questo sarà facile fare nuove conoscenze approfittando di una pausa o di una sosta alle macchinette del caffè. Un buon modo per conoscere nuove persone senza frequentare i corridoi di una università!

Per conoscere tutti gli altri servizi delle biblioteche di Lecce e gli orari di apertura è possibile consultare il sito web del Comune.

Commenti disabilitati su Biblioteche di Lecce: dove studiare in città Studiare a Lecce

Leggi tutto

Specializzarsi come legale d’industria a Lecce

Sei interessato a capire come specializzarti come legale d’industria a Lecce? In questo articolo riceverai tutte le informazioni necessarie, con un focus particolare sulla formazione necessaria per intraprendere questa professione,
lavorare nell’area legale delle industrie
Iniziamo col dire che la figura del legale d’industria sta assumendo una posizione sempre più di spicco, tanto che le assunzioni stanno aumentando in tutta Italia (e la Puglia non è esclusa) del +9% rispetto allo scorso anno e del +22% rispetto a soli tre anni fa.

Infatti, negli uffici legali di tutte le industrie del territorio è sempre più ricercata la presenza di risorse umane adeguate e pronte a fornire riscontri attesi; nello specifico parliamo della conoscenza e della gestione dei sistemi agevolativi connessi alla ricerca e allo sviluppo, delle politiche a supporto dell’efficienza energetica, dell’esigenza di autocontrollo aziendale per la riduzione del rischio, della internazionalizzazione delle attività e dei nuovi strumenti di capitalizzazione delle politiche di gruppo.

Ecco cosa fa un legale d’industria. E da queste considerazioni è anche possibile comprendere realmente perché questa – come già accennato – è una delle nuove figure professionali per le industrie, estremamente ricercata.

Per venire incontro a queste esigenze (e direttive conseguenti) imposte dalle norme comunitarie, la figura del legale d’industria si è andata via via delineando come una presenza fondamentale per gestire lo sviluppo delle industrie, sotto vari punti di vista.

Formazione per diventare legale nelle industrie

Alla luce di quanto appena detto, la Università Niccolò Cusano di Lecce ha deciso di indire un master online di I livello per legale d’impresa che abbia una impostazione a livello di programma di studio spiccatamente multidisciplinare.

Infatti, tra le materie del master online per legale d’industria troviamo i seguenti insegnamenti:

Fondamenti di diritto commerciale e industriale nell’ordinario e nelle operazioni straordinarie, gli strumenti di autocontrollo dal D.Lgs 231/01 al D.Lgs 196/03, dalla certificazione integrata al sistema diffuso delle asseverazioni

  • Lineamenti di diritto d’autore nella tutela dell’IP
  • Fondamenti di diritto del lavoro nella gestione delle risorse umane interne ed esterne
  • Fondamenti di diritto internazionale pubblico e privato nell’accesso al mercato europeo e internazionale
  • Diritto dell’energia, regole e incentivi a disposizione del sistema industriale
  • La cogenerazione e la trigenerazione nelle industrie energivore, chance startegiche ed Energy Performance Contract
  • Il sistema digitale e la digitalizzazione nelle industrie, tra iper ammortamenti e super ammortamenti nell’attesa della maturazione dei big data nel pacchetto Industria 4.0
  • Il sistema agevolativo nel settore industriale, dalla start up innovativa al credito d’imposta in materia di ricerca fino al patent box in attesa della completa definizione del pacchetto Industria 4.0
  • Comunicazione e gestione nelle organizzazioni lavorative

Un approccio spiccatamente riferito all’ambito della giurisprudenza e del diritto con accenni a ciò che si andrà a visionare e valutare una volta inseriti nel sistema delle industrie (anche alla luce dei nuovi aggiornamenti imposti dai new media e dal web).

Al termine del percorso di studi, dodici iscritti meritevoli potranno accedere allo stag organizzato con il supporto di Studio Industria, società leader nell’offerta professionale legale proprio all’interno del sistema industriale e d’impresa.

È possibile iscriversi al master online per lavorare nell’area legale delle industrie (della durata di 1.500 ore per 60 crediti formativi) fino a fine mese. Tra i requisiti richiesti c’è quello fondante di studiare giurisprudenza per diventare legale d’industria in quanto materia fondamentale per comprendere l’approccio al lavoro.

Nel dettaglio, per l’iscrizione al Master è richiesto il possesso di almeno uno dei seguenti titoli:

  • laurea conseguita secondo gli ordinamenti didattici precedenti il decreto ministeriale 3 novembre 1999 n. 509;
  • lauree ai sensi del D.M. 509/99 e ai sensi del D.M. 270/2004;
  • lauree specialistiche ai sensi del D.M. 509/99 e lauree magistrali ai sensi del D.M.270/2004.

Concludiamo l’articolo fornendo delle spiegazioni sullo studio in modalità telematica: come tutti gli altri corsi organizzati dalla Unicusano a Lecce, anche il master suddetto gode della possibilità di seguire le lezioni in maniera totalmente autonoma. Grazie alla piattaforma telematica attiva ventiquattr’ore su ventiquattro e sette giorni su sette, tutti gli iscritti possono organizzarsi liberamente – anche se già occupati.

Infatti sono molti coloro che lavorano già nell’ambito industriale interessati a aggiornare le proprie competenze; grazie alla metodologia e-learning quest’ultimi possono continuare a mantenere i loro posti di lavoro come legale d’industria, studiando online senza vincoli di orario.

Per avere altre informazioni riferite al master online a Lecce per legale d’impresa, è possibile contattare lo staff dell’Università Niccolò Cusano attraverso la compilazione del form presente sulla home page del sito web.

Commenti disabilitati su Specializzarsi come legale d’industria a Lecce Studiare a Lecce

Leggi tutto

Master dell’area medica a Lecce

Sei interessato ad aggiornare la tua professione e le tue competenze partecipando ad un master dell’area medica? Scegli i corsi organizzati dalla Università online Niccolò Cusano di Lecce.
master per dottori a Lecce
In questo articolo spiegheremo quali sono i “plus” di tale scelta e quali sono i corsoi che nell’ultimo anno hanno riscontrato maggior numero di preferenze da parte di neolaureati e soprattutto di professionisti che vogliono acquisire nuove competenze.

Tutti i master per dottori a Lecce ed esperti in tutti i settori dell’area medica sono dei corsi organizzati con il contributo di professionisti e con l’intento di accrescere le possibilità lavorative grazie all’acquisizione di nuove ed aggiornate competenze nel campo medico.

Inoltre, l’Università Niccolò Cusano di Lecce offre la possibilità di seguire i corsi ed i master proposti in modalità telematica: questo fa si che anche chi è già occupato lavorativamente possa fruire delle lezioni presenti nel piano di studi. Lezioni ed esami intermedi, infatti, possono essere seguiti grazie alla piattaforma telematica presente sul sito web della Unicusano; la piattaforma è accessibile ventiquattr’ore al giorno e sette giorni su sette, consentendo una totale autonomia nello studio, senza vincoli di orario.

Ecco perché si sceglie un master per dottori organizzato dalla Unicusano: per le competenze fornite e per la possibilità di potersi organizzare senza togliere tempo alle incombenze professionali. Un sondaggio condotto dallo staff dell’Università online ha confermato questo concetto: infatti negli ultimi due anni c’è stata una crescita di immatricolazioni ai master online per dottori pari al +21%.

Master online area medica a Lecce: ecco i più gettonati

Ma quali sono i master per medici e, più in generale, del settore sanitario più scelti? Ecco in ordine i master con le iscrizioni ancora aperte per il prossimo anno (ma con pochi posti ancora disponibili):

Master II livello in Management sanitario

Se viene chiesto ai dottori quali master scegliere a Lecce, la risposta più gettonata sarà quello per diventare manager dell’area sanitaria. Infatti, il master online ha la finalità di fare acquisire e perfezionare conoscenze interdisciplinari e di preparare professionisti in grado di gestire al meglio le strutture e le risorse umane in ambito sanitario secondo le più avanzate metodologie e tecnologie. Dunque, professionisti che siano in grado di pianificare, organizzare, dirigere e monitorare le attività di una struttura sanitaria complessa attraverso il coordinamento di risorse umane e la gestione economica.

A questo tipo di formazione concorre un piano di studi altamente multidisciplinare che spazia dall’informatica al diritto, dall’economia aziendale alla psicologia del lavoro e delle organizzazioni.

Il Master ha durata annuale pari a 1500 ore di impegno complessivo per il corsista, corrispondenti a 60  crediti formativi; le iscrizioni sono aperte fino a fine mese. Per avere altre specifiche, vi aspettiamo nella pagina dedicata al master.

Master I livello in Infermieristica ed Ostetricia Legale e Forense

Arrivato alla sua II edizione, questo master online per medici è riservato agli iscritti UIL/FPL e ha come finalità quella di affinare le seguenti capacità: lo svolgimento di funzioni di supporto alla Direzione Sanitaria e Infermieristica Aziendale, l’analisi delle tipologie di responsabilità attraverso l’analisi e la descrizione della casistica legale e forense, l’essere in grado di fornire prestazioni competenti in ambito medico legale, clinico e forense e attività di area infermieristica e ostetrica e l’essere d’aiuto nel supportare, con competenza e professionalità, il medico legale durante le fasi del sopralluogo giudiziario, dell’autopsia e delle indagini di carattere criminalistico, nelle indagini relative a ipotesi di reato.

Le iscrizioni a questo master possibile da svolgersi in modalità telematica chiudono a fine mese. Per saperne di più ed avere altre info, cliccate qui.

Master II livello in Psicologia pediatrica

Per specializzarsi come psicologo pediatrico, questo corso è il migliore in quanto permette  di formare psicologi esperti in psicologia pediatrica in possesso delle competenze necessarie volte ad attuare interventi di valutazione mirati  e supporto psicologico in età evolutiva secondo un approccio multidisciplinare ed integrato.

Tra gli sbocchi professionali per psicologi specializzati in pediatria troviamo: Servizi Sanitari pubblici e privati (Ospedali, Cliniche, ASL), ambulatori pediatrici, Servizi Specialistici di riabilitazione pediatrica, Enti Associazioni e Servizi Socio-Sanitari di assistenza domiciliare, Consultori pubblici e privati.

Le iscrizioni al master in psicologia pediatrica chiudono a fine mese.

Corso di perfezionamento in Alimentazione vegetariana – vegan

Questo corso online permette di specializzarsi come nutrizionista in ambito di alimentazione vegetariana e vegana. La grande richiesta di specialisti con competenze affinate nel settore ha portato molti nutrizionisti a sentirsi quali in obbligo nell’aggiornarsi su queste tipologie di alimentazione.

Il corso, afferente alla Facoltà di Scienze della Formazione, ha una durata pari a 300 ore di impegno complessivo con relativa acquisizione di 12 crediti formativi; le iscrizioni sono aperte fino a fine mese.

Commenti disabilitati su Master dell’area medica a Lecce Studiare a Lecce

Leggi tutto

Dove andare in vacanza partendo da Lecce?

Vi siete ritrovati all’ultimo minuto a dover organizzare le vacanze estive? Lo staff della Unicusano di Lecce ha intenzione di darvi una mano consigliando dove andare in vacanza partendo da Lecce. Vediamo insieme, dunque, questa speciale guida di viaggio per universitari alla scoperta della puglia.
viaggi per universitari
Scoprire il Salento e la Puglia intera, in compagnia di amici, sarà una esperienza bellissima e intensa, a contatto con le radici più autentiche del Salento e volta a rinnovare la conoscenza dei prodotti enogastronomici e delle caratteristiche etniche del passato. Gli studenti iscritti ai corsi dell’Università Niccolò Cusano di Lecce che hanno deciso di restare a studiare in città, infatti, ammettono di voler rinvigorire e valorizzare il sud Italia e la propria regione in particolare.

Studiando a Lecce, c’è possibilità di svilupparne la cultura, gli eventi e le possibilità lavorative!

Ma torniamo all’argomento principale di questo articolo e scopriamo alcune idee per delle vacanze da Lecce a misura di universitario; che siano, quindi, low cost, divertenti e mangerecce!

Idee per vacanze in Puglia

I viaggi universitari in Puglia sono molto gettonati da parte degli studenti di tutta Italia ma i primi a voler scoprire la propria regione sono gli studenti di Lecce. Ecco alcuni consigli per delle vacanze universitarie in Salento per tutti i gusti:

Sulle note della Taranta

Il 26 agosto, a Melpignano, si svolge la tradizionale notte della Taranta: si ballerà al suono della tradizionale Pizzica e alla musica dei tanti invitati al concertone (Raphael Gualazzi, Suzanne Vega, Yael Deckelbaum, Tim Ries e Pedrito Martinez).

Ma non solo la notte del 26 agosto, l’orchestra popolare della Taranta composta da musicisti e interpreti della tradizione musicale salentina, sarà impegnata di una serie di concerti presso i principali festival italiani e nelle feste popolari in Puglia. Il tour, che gli universitari appassionati possono seguire, toccherà Racale, Teramo, Oescara, Calimera, carbonara, Roma, Uggiano la Chiesa e Acquarica del Capo.

Tour enogastronomico

Come già accennato, la Puglia è anche patria del buon vino e del buon cibo. Ecco perché tra i viaggi per studenti universitari, la Unicusano consigli di percorrere la Strada del Vino che si snoda nel Salento toccando i comuni di Lecce, Nardò, Casarano, Gallipoli e Maglie.

Tutt’attorno a questi paesi si apre il territorio dei vigneti che alimentano le Doc Alezio, Matino, Nardò, oltre al diffuso Aleatico di Puglia, lo squisito vino dolce naturale preparato in tutta la regione. È un’occasione per i giovani di fermarsi presso le tante masserie del territorio per assaporare un bicchiere di vino accompagnato da bruschette con l’olio locale e altri prodotti tipici del territorio.

Mare mare mare

Poi, per rispondere alla domanda “dove vanno in vacanza gli universitari”, diciamo: al mare! Le coste della Puglia e del Salento sono tra le più belle in Italia e i giovani universitari scelgono il mare. Tra le spiegge più belle del Salento ne ricordiamo alcune (sancite dalla classifica degli utenti di un noto sito web di prenotazione viaggi): La Poesia      in località Roca Vecchia, Punta della Suina a Gallipoli, Porto Badisco ad Otranto e la spiaggia di Acquaviva di Marittima nell’omonima località.

Storia, arte e cultura

In ultimo, tra le mete di vacanza preferite dagli universitari, ci sono quelle che trasudano storia e cultura: si va da Alberobello ad Ostuni, passando ovviamente per la capitale del Barocco: Lecce. Tutte le città pugliesi, piccole e grandi, hanno una forte connotazione storica e culturale e raccontano di un tempo passato.

A Lecce, tra le meraviglie artistiche da visitare ricordiamo: le chiese barocche di Sant’Irene e Santa Croce, caratterizzate da facciate ricchissime di decorazioni e sculture; il meraviglioso salotto di Piazza Duomo dove si trovano, oltre alla chiesa principale della città, anche il Seminario ed il Palazzo Arcivescovile. Non dimenticate anche una sosta in Piazza Sant’Oronzo, che custodisce al suo interno un importante anfiteatro romano.

Per non dimenticare anche le bellezze naturali della zona, merita una tappa il caratteristico laghetto di Bauxite, un luogo fuori dal mondo che saprà sorprendervi con i suoi colori surreali.

Avete trovato utili questi consigli per i viaggi per universitari? Ditecelo nei commenti. Noi accettiamo suggerimenti! Intanto, buone vacanze a tutti!

Commenti disabilitati su Dove andare in vacanza partendo da Lecce? Studiare a Lecce

Leggi tutto

Esiste un metodo di studio efficace: scoprilo

Sapete che esiste davvero un metodo di studio efficace in grado di abbattere lo stress e garantire risultati migliori in se de d’esame? Non ci credete? Leggete qui!
organizzazione studio online
Diciamo innanzitutto che una buona organizzazione dello studio e degli altri impegni è alla base di un percorso universitario facile e sano. Proprio per raggiungere tale scopo, la Unicusano ha deciso di responsabilizzare fin da subito i suoi iscritti proponendo dei corsi online che possono essere gestiti in completa autonomia.

Infatti, la fruizione delle lezioni avviene in modalità telematica attraverso la connessione con una piattaforma e-learning accessibile ventiquattr’ore al giorno e sette giorni su sette. In questo modo lo studente imparerà a gestire il proprio tempo, dando valore alla pianificazione e all’autonomia fin dai primi momenti di vita universitaria.

Ovviamente un giovane non può e non deve essere lasciato solo in questo percorso di responsabilizzazione: per questo i tutor messi a disposizione dall’Università Niccolò Cusano di Lecce sono sempre reperibili per affiancare lo studente nelle decisioni, guidandolo attraverso il percorso formativo più adatto alle sue esigenze.

Ma non solo: esistono anche dei tips per l’organizzazione studio online: vediamoli insieme…

Come organizzare lo studio?

Molti giovani si trovano spaesati di fronte alla richiesta di organizzazione imposta dall’università online, così diversa dai punti fermi della scuola superiore. Questa novità deve essere vista come uno sprone alla crescita ma, come già detto, può essere anche supportata da degli strumenti; vediamo insieme quali…

Google calendar

Lo strumento di Google Calendar è un calendario virtuale sulla quale è possibile caricare tutti i propri impegni. Questi calendari (già: è possibile crearne anche più di uno) possono essere condivisi o importati da altri sevizi online o dal pc. Inoltre, possono essere a disposizione in ogni momento grazie al cloud di Google che permette di accedervi da computer, tablet o smartphone in ogni momento.

Sono uno strumento fondamentale per avere sott’occhio il planning mensile di studio, senza dimenticare altri impegni (per cui è possibile anche impostare un promemoria sonoro).

Agende e diari

Per chi non può rinunciare al cartaceo, è buona norma tenere con Sé anche un’agenda sulla quale segnare i propri appuntamenti. Se si riesce a farlo per tempo, è possibile riuscire a pianificare lo studio in vista di impegni futuri ma anche lasciando spazio per eventuali imprevisti. Il calcolo del tempo a disposizione per studiare, infatti, è fondamentale ai fini di una corretta organizzazione.

E se comunque non riesco ad organizzarmi? Se continuo a perdere tempo nonostante tutto?

Se avete di questi problemi, non preoccupatevi: in riferimento all’organizzazione dello studio, lo staff della Unicusano di Lecce vuole darvi ancora dei preziosi consigli…

Gestire il tempo di studio

Potete avere anche l’agenda piena di appunti, ma se la motivazione scarseggia, non c’è che un modo per affrontare lo studio: la famosa tecnica del pomodoro.

La pomodoro tecnica prende il nome da quei timer da cucina a forma, appunto, di pomodoro. È stato uno studente ad approntarla per riuscire a risollevare il suo rendimento universitario in un momento di fatica, stress e scarsi stimoli.

Nello specifico, la tecnica consiste nel gestire il tempo per raggiungere obbiettivi specifici. Come? Occorre innanzitutto trovare una attività da completare, poi bisogna  impostare il timer a 25 minuti, concentrandosi nella propria attività senza distrazioni finché il timer non avrà suonato. Poi, è possibile prendersi una pausa di 5 minuti. Ogni 4 cicli di 25 minuti è possibile concedersi  una pausa più lunga di 15-30 minuti.

Con questo metodo di studio (e di concentrazione) è possibile sviluppare un nuova concezione del tempo capace di ridurre l’ansia incrementando l’efficacia personale e il rendimento, diminuendo al contempo l’ansia, massimizzando la concentrazione e aumentando la consapevolezza delle decisioni da prendere.

La motivazione e la volontà, conseguentemente, si rafforzeranno sulla base di obbiettivi raggiungibili.

Avete trovato utili i nostri consigli in riferimento a studio e produttività? Ditecelo nei commenti! E ora… buono studio a tutti!

 

Commenti disabilitati su Esiste un metodo di studio efficace: scoprilo Studiare a Lecce

Leggi tutto

Diventare ingegnere a Lecce: come fare

Sei intenzionato a diventare ingegnere a Lecce? Ecco l’articolo che fa per te. Lo staff della università Niccolò Cusano di Lecce ha deciso di fornire tutte le specifiche per coloro che intendono iscriversi al corso di laurea per studiare ingegneria a Lecce, spiegando nel dettaglio quali sono i corsi online dell’area ingegneristica promossi da Unicusano, in cosa consiste la formazione ricevuta e quali sono gli step da seguire successivamente alla laurea.
corso di laurea in ingegneria a Lecce
Infatti, dopo il conseguimento del titolo, un ingegnere dovrà sostenere un esame di stato abilitante alla professione: nel dettaglio, dopo il triennio si potrà essere inseriti nella categoria professionale “junior”, mentre dopo la laurea magistrale si sarà ingegneri abilitati a tutti gli effetti.

Ma adiamo con ordine e iniziamo a vedere quali sono i corsi di laurea in ingegneria proposti dall’Università online Niccolò Cusano…

Laurea ingegneria Lecce: i corsi di laurea

Il sempre crescente numero di richieste in riferimento allo studiare ingegneria online, ha portato la Unicusano a specializzarsi molto verso lo studio dell’ingegneria.

Identici nel piano di studi rispetto a quelli “in presenza”, i corsi di laurea online in ingegneria (tutti i curricola formativi) permettono di frequentare le lezioni via internet, mediante la connessione alla piattaforma di e-learning attiva ventiquattr’ore al giorno e sette giorni su sette.

In questo modo, oltre ad avere la possibilità di organizzare al meglio lo studio secondo le proprie esigenze personali e professionali, gli iscritti ai corsi online in ingegneria possono godere della presenza di tutor e docenti esperti per ciascuna materia, ai quali chiedere supporto in qualsiasi momento per lo svolgimento delle attività didattiche.

Ma vediamo nel dettaglio le proposte dell’Università Niccolò Cusano…

Corso di Laurea triennale e magistrale in Ingegneria Civile

Il corso in ingegneria civile è il più scelto dai giovani di Lecce, che completano l’intero percorso quinquennale in modo tale da poter acquisire tutte le specifiche in riferimento ad una preparazione di base fisico-matematica unita all’approfondimento di strumenti matematici specificamente necessari per le applicazioni ingegneristiche civili (ad esempio: progettazione, esecuzione e controllo di opere civili di edilizia; il rilevamento in ambito territoriale ed urbano; la valutazione e la progettazione in ambito civile ai fine della salvaguardia dal rischio sismico; la progettazione di strutture sostenibili). Per informazioni è possibile consultare la pagina di riferimento.

Corso di Laurea triennale e magistrale in Ingegneria Elettronica

Il corso in ingegneria elettronica online a Lecce prevede un percorso formativo il cui scopo è formare una figura professionale con conoscenze e competenze ad ampio spettro che spaziano dalle tecnologie alla progettazione elettronica ed elettromagnetica, dai sistemi di elaborazione delle informazioni alla bioingegneria elettronica.

Il corso è scelto dai giovani che hanno interesse a trovare un’occupazione nel campo delle telecomunicazioni, anche all’estero.

Corso di Laurea triennale e magistrale in Ingegneria Meccanica

Estremamente utile per trovare un’occupazione stabile in vari campi. Il corso online in ingegneria meccanica offre conoscenze per formare una figura professionale preposta all’ideazione, ricerca, pianificazione, progettazione, sviluppo, gestione e controllo di prodotti, sistemi, processi e servizi complessi

Corso di laurea triennale in Ingegneria Industriale  – curriculum Agroindustriale

Una reale possibilità lavorativa presso le tante aziende del territorio pugliese (piccole e medie imprese) è rappresentato dal corso di laurea in ingegneria agroindustriale. I giovani laureati, infatti, saranno in grado di gestire il controllo qualità della filiera alimentare, riuscendo a coordinare anche la produzione e la vendita.

Corso di laurea triennale in Ingegneria Industriale – curriculum Biomedico

Questo corso di laurea garantisce un’ottima base per poter poi continuare a specializzarsi sia in Italia sia all’estero. Nel dettaglio, Il laureato triennale in Ingegneria biomedica, attraverso il percorso formativo, è indotto ad impadronirsi degli strumenti propri dell’ingegneria approcciando – con questa forma mentis – anche ai sistemi biologici e fisiologici e i dispositivi artificiali. Per altre info, cliccate qui.

Corso di laurea triennale in Ingegneria Industriale – curriculum Gestionale

Infine, il percorso formativo di ingegnere gestionale a Lecce contribuisce a trovare un’occupazione stabile  nel settore dei processi, dei servizi e della gestione delle operazioni che caratterizzano la produzione industriale.

Una volta compreso qual è il corso di laurea in ingegneria a Lecce più adatto alle proprie aspirazioni lavorative, è bene soffermarci su quello che dicevamo ad inizio dell’articolo, ovvero la necessità di superare l’esame di Stato.

Dunque, come diventare ingegnere in Puglia essendo abilitati alla professione? Se si è in possesso dei  titoli di laurea quinquennale conseguita secondo l’ordinamento previgente il D.M. 509/99, laurea specialistica conseguita secondo il D.M. 509/99 o laurea magistrale conseguita secondo il D.M. 270/2004 è possibile accedere all’esame di Stato come Ingegnere.

Nel caso di possesso di laurea triennale conseguita secondo il D.M. 509/99 oppure secondo il D.M. 270/2004 o di diploma universitario, è possibile abilitarsi come ingegnere junior.

Per essere a conoscenza delle prossime date dell’esame di stato per diventare ingegnere, è possibile controllare il sito web del MIUR.

 

Commenti disabilitati su Diventare ingegnere a Lecce: come fare Studiare a Lecce

Leggi tutto

Come diventare direttore di musei a Lecce

Sei un professionista dei beni culturali e vuoi formarti in maniera adeguata per poter lavorare nei musei a Lecce in posizioni di prestigio?
master online in beni culturali a Lecce
In questo articolo lo staff dell’Università Niccolò Cusano di Lecce ha intenzione di spiegare Come diventare direttore di musei a Lecce e lavorare nei musei, restando in città o spostandosi.

Se si ha intenzione di lavorare come direttore di museo in seguito alla formazione professionale offerta da Unicusano, è bene specificare che sarà possibile trovare lavoro presso i tanti musei della città ma anche nel resto del Paese. In questi ultimissimi anni, infatti, si sta cercando sempre più di rivalutare il settore dei beni culturali e anche i piccoli musei d’Italia (ricchi di tesori di immenso valore storico-artistico) stanno ricevendo fondi destinati allo sviluppo e alla valorizzazione.

C’è da dire che – differentemente da qualche anno fa – oggi un direttore di museo non deve occuparsi sono della gestione economica e delle “pubbliche relazioni” ma deve anche essere conscio delle nuove possibilità offerte dal web 2.0 per la valorizzazione dell’istituzione museale e per la divulgazione.

Sono, infatti, i turisti i primi che intendono visitare i piccoli e grandi musei italiani e per questo è necessario imporsi sul web con una corretta comunicazione che invogli il pubblico straniero a conoscere le meraviglie nascoste del nostro Bel Paese.

Dunque, la dimestichezza con gli strumenti di promozione web è primaria per un direttore di museo tanto quanto la conoscenza della didattica museale e della storia dell’arte.

Master in Museologia

Il master online in beni culturali a Lecce si rivolge sia ad operatori del settore che intendono aggiornare e riqualificare le proprie competenze professionali sia a laureati o neolaureati fortemente motivati ad intraprendere una carriera professionale nell’ambito della gestione e valorizzazione  dei beni culturali, in particolare attraverso lo studio e l’analisi di casi pratici nel campo della museologia e delle tecnologie applicate in ambito museale.

Al termine del percorso formativo in Museologia e gestione dei beni culturali, infatti, si saranno acquisite le seguenti competenze:

  • Possesso degli strumenti e tecniche di progettazione nell’ambito degli spazi espositivi temporanei e permanenti
  • Conoscenza e applicazione dei modelli organizzativi più innovativi impiegati nel contesto europeo
  • Sviluppo dell’ abilità di analisi e impiego degli strumenti di progettazione (museum planning and project enrichment)

Nel dettaglio, le materie di studio sono:

  • Museologia
  • Legislazione BB.CC.
  • Gestione museale
  • Didattica museale
  • Marketing museale e comunicazione del settore culturale
  • Progettazione multimediale
  • Allestimento museale: elementi di architettura e interior design
  • Estetica e antropologia culturale applicati alla museologia
  • TQM (Modello della Qualità Totale nei Musei)
  • Internet come strumento di promozione culturale
  • Musei in Internet; il sito web ideale per un museo
  • Case Study

Volete avere alter informazioni sul master online a Lecce? Potete compilare il form presente sulla home page del sito web di Unicusano!

Commenti disabilitati su Come diventare direttore di musei a Lecce Studiare a Lecce

Leggi tutto

Come spendono i soldi gli universitari

Come spendono i soldi gli universitari? Quali sono i prodotti più acquistati dai giovani? In questo articolo l’Università Niccolò Cusano di Lecce svela quali sono gli interessi più concreti dei giovani universitari, cioè i prodotti che li spingono a gestire il denaro in modo tale da poterlo destinare a questo genere di spese personali.
prodotti acquistati dai ragazzi tra i 20 e i 25 anni
Iniziamo con il dire che la corretta gestione del denaro, per i giovani iscritti ai corsi online a Lecce, è parte integrante del proprio modus operandi. Perché? Facile: è proprio la scelta di frequentare l’università online ad accrescere l’autonomia e la capacità di gestione e pianificazione.

Poter organizzare in prima persona il proprio percorso universitario, porta i giovani ad incrementare le proprie skills personali relative alla conduzione non solo dello studio ma anche di altri aspetti della vita. Ed ecco che organizzare al meglio le proprie risorse economiche rientra in queste capacità e, dunque, i giovani saranno perfettamente coscienti dell’importanza del denaro e in cosa spendere soldi durante l’università.

L’autonomia e il controllo sono due caratteristiche fondamentali per una corretta gestione dei soldi. Inoltre – molto spesso  – i giovani universitari non hanno un’entrata economica costante e cospicua e devono fare fronte alle spese (anche impreviste) con un fondo che proviene dalla famiglia o da lavoro occasionali.

Proprio per questo motivo è bene gestire i soldi in modo corretto trattenendone alcuni in un fondo “per le emergenze” e destinandone altri ad acquisti importanti.

Cosa acquistano gli universitari

Ma quali sono gli acquisti  necessari durante l’università? Lo staff dell’Università Niccolò Cusano di Lecce lo ha chiesto ad un campione di 200 giovani (metà ragazze e metà ragazzi) iscritti ai corsi online e ciò che colpisce è la comunione di intenti spenderecci tra uomini e donne e tra ragazzi di 20 iscritti al primo anno e quelli di 25 in odore di tesi.

Tutto lascia pensare che il trend rispecchi alla perfezione l’andamento economico e le predilezioni dei giovani italiani in generale.

Ma ecco una lista specifica di prodotti acquistati dai ragazzi tra i 20 e i 25 anni.

Utilities tecnologiche

La tecnologia è al primo posto tra i prodotti più comprati dagli universitari. All’interno di questa categoria spiccano prodotti di varia natura, tutti accomunati dal fatto di essere utili e soprattutto al passo con i tempi.

Gli smartphone, ad esempio, non sono solo un mero strumento per telefonare ma diventano il contatto con il mondo, garantendo l’immediatezza comunicativa e una condivisione istantanea. Poi, il computer portatile è un’altra delle utilities per la quale gli universitari ammettono di spendere parecchio: ma la spesa il più delle volte è ragionata ed è frutto di una attenta comparazione tra prezzi e modelli.

Nulla degli acquisti tecnologici è lasciato al caso: gli universitari controllano e studiano prima di improntare cifre economiche notevoli e, soprattutto, si lasciano suggerire da esperti del settore. Ecco che spendere il denaro durante l’università diventa un modo per iniziare a comprendere la vera importanza dei soldi e soprattutto la qualità di ciò che si va ad acquistare.

Abbonamenti telefonici e web

Costola del discorso precedente legato alle utilities tecnologiche è la spesa effettuata per abbonamenti telefonici e per la navigazione in internet. C’è da precisare che per quanto riguarda gli iscritti alla Unicusano di Lecce, è per loro fondamentale avere una buona connessione che coniughi la velocità con un buon numero di giga da poter utilizzare e – principalmente – con un prezzo vantaggioso.

La scelta di seguire le lezioni da casa, infatti, è strettamente legata all’uso del computer portatile (o tablet o smartphone) dal quale si possono seguire le lezioni proposte dal piano di studi semplicemente connettendosi alla piattaforma telematica messa a adisposizione sul sito web di Unicusano.

Vacanze

Terza posizione nella classifica per i viaggi. Gli studenti iscritti ai corsi di Unicusano a Lecce ammettono di non  spendere cifre molto alte per le vacanze, complice il fatto di poter approfittare di uno splendido mare e di cittadine suggestive a poca distanza da casa. E così molti scelgono proprio il Salento per una vacanza ritemprante in compagnia degli amici.

E voi in cosa spendete i vostri soldi? Raccontatecelo nei commenti!

 

Commenti disabilitati su Come spendono i soldi gli universitari Studiare a Lecce

Leggi tutto

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali